Sentinel-2B è in orbita, lanciata la 'sentinella' della Terra

Ce l'ha fatta: Sentinel-2B ha raggiunto in orbita il suo 'gemello' Sentinel-2A dopo un lancio perfetto che ha visto il vettore Vega portare a termine con successo anche la sua nona missione, la prima del 2017. Il satellite è partito dalla base spaziale europea di Kourou, nella Guyana francese, alle 02,49 ora italiana, le 22,49 del 6 marzo ora locale, con un volo tutto nominale.

Nella sala di controllo del centro spaziale di Kourou si è levato un applauso liberatorio quando, 57 minuti e 57 secondi dopo il liftoff, si è avuta la conferma che, una volta rilasciato dal lanciatore Vega, il satellite si è posizionato nell'orbita corretta. A salutare il successo della missione è stato il Direttore Generale dell'Esa, Jan Woerner, ed il capo delle missioni Esa di Osservazione della Terra, Josef Aschbacher, responsabile anche del centro Esa-Esrin di Frascati.

Presenti a Kourou anche il Direttore delle Politiche spaziali e di Copernicus della Commissione Ue, Philippe Brunet, il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston, ed i top manager di Arianespace che gestisce i lanci del Vega, un gioiello della tecnologia spaziale realizzato in Italia da Avio nei suoi stabilimenti di Colleferro.

I primi tre stadi del lancio di Sentinel-2B, di cui Airbus è il principale realizzatore, sono stati realizzati in sei minuti e 36 secondi, mentre l'ultimo stadio a propulsione liquida ha completato la messa in orbita del satellite con due accensioni durate appena pochi minuti.

"Con il successo del lancio di Sentinel-2B, Vega conferma la sua affidabilità e flessibilità. Ma soprattutto questa missione rappresenta il terzo volo del nostro lanciatore in meno di sei mesi, una frequenza che dimostra la nostra capacità di fare tanti lanci ravvicinati" ha commentato l'amministratore delegato di Avio, Giulio Ranzo, raggiunto telefonicamente negli stabilimenti di Colleferro, dove ha assistito alla diretta via streaming del lancio.

"Vega è un cavallo di razza dei lanciatori", ha aggiunto il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston, arrivato a Kourou per assistere al lancio del satellite Sentinel-2B. "La presenza a Kourou di Phlippe Brunet - ha spiegato Battiston - responsabile per le politiche dello spazio della Commissione Europea, è particolarmente significativa per le decisioni che Bruxelles intende prendere riguardo i prossimi anni di Vega".

Ora, con l'arrivo in orbita di Sentinel-2B, diventano 5 le Sentinelle già al lavoro del programma europeo Copernicus di Osservazione della Terra, un programma spaziale che vede lavorare fianco a fianco l'Agenzia Spaziale Europea, la Commissione Europea e le principali aziende dell'aerospazio del vecchio continente, tra cui anche le italiane Leonardo, Thales Alenia Space Italia e Telespazio che, attraverso il centro spaziale di Matera di e-Geos, assicura una delle tre stazioni del Core Ground Segment di Copernicus.

La missione dei satelliti Sentinel-2 porterà una mole enorme di dati per migliorare le pratiche in agricoltura, per monitorare la deforestazione, per gestire le emergenze causate dagli incendi.