Home . Fatti . Cronaca . Sciopero aerei e taxi: trasporti a rischio caos

Sciopero aerei e taxi: trasporti a rischio caos

CRONACA
Sciopero aerei e taxi: trasporti a rischio caos

(Fotogramma)

a cura della redazione web

Si parte con lo stop dei voli Alitalia, per lo sciopero odierno dei controllori di volo, e si finisce con il fermo nazionale dei tassisti indetto per il 23 marzo. Si preannuncia una settimana calda sul fronte dei trasporti a causa della mobilitazione dei dipendenti Alitalia, contrari al nuovo business plan presentato dalla Compagnia, e dei tassisti italiani, che da mesi scendono in piazza per protestare contro un emendamento del decreto legge Milleproroghe. Vediamo, nel dettaglio, i motivi e i dettagli degli scioperi in programma questa settimana.

SCIOPERO ALITALIA - Oggi stop al 40% dei voli nazionali e internazionali Alitalia a causa dello sciopero dei controllori di volo. L'agitazione odierna potrebbe essere solo l'antipasto di altre proteste, dopo la presentazione del business plan della Compagnia ai sindacati. Un piano industriale lacrime e sangue che prevede oltre 2000 esuberi nel personale. Il piano prevede inoltre tagli alle retribuzioni per il 28% per piloti di medio raggio, 22% per piloti di lungo raggio e 32% per gli assistenti di volo. I sindacati, che hanno bocciato senza appello il nuovo piano, hanno infatti annunciato un nuovo sciopero di 24 ore per il 5 aprile.

SCIOPERO TASSISTI - Giovedì saranno invece i tassisti ad incrociare le braccia a causa dello sciopero nazionale proclamato per il 23 marzo. "Un servizio che quotidianamente, tra mille difficoltà, garantisce un diritto essenziale per l'utenza, come quella alla mobilità, non può essere abbandonato alle mire speculative di grossi gruppi economici e devastato dall'abusivismo", spiegano in una nota le associazioni sindacali. Oggetto della protesta è, ancora una volta, l'emendamento del decreto legge Milleproroghe, che sospende fino al 31 dicembre 2017 una serie di norme in materia di trasporto di persone mediante autoservizi non di linea. Con il rinvio, lamentano i tassisti, verrebbero favorite, di fatto, app come Uber e l'Ncc, il servizio di noleggio con conducente.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI