Home . Fatti . Cronaca . Roma, poliziotta incinta sventa furto e immobilizza ladro

Roma, poliziotta incinta sventa furto e immobilizza ladro

CRONACA
Roma, poliziotta incinta sventa furto e immobilizza ladro

Il vicequestore aggiunto della Polizia di Stato Rita Sverdigliozzi all'ospedale Santo Spirito

Via Anastasio II, una sera di tranquillo traffico romano nel centro della capitale. All'improvviso, il rumore assordante del finestrino laterale che si infrange, una mano afferra la borsa appoggiata sul sedile del passeggero. Ma questa volta al ladro è andata decisamente male perché la 'vittima' era una poliziotta, il vicequestore aggiunto Rita Sverdigliozzi, giunta a Roma da Pisa per prendere parte a un corso organizzato dalla Direzione Centrale Anticrimine. La donna, incinta al quarto mese, non ci ha pensato due volte e, con una mossa fulminea, ha afferrato un manico della borsa, resistendo ai tentativi del ladro di impossessarsene.

L'azione ha avuto successo e l'uomo, evidentemente sorpreso dalla reazione della donna, si è sbilanciato ed è caduto dallo scooter su cui contava di dileguarsi di lì a poco. A quel punto la poliziotta è uscita dalla macchina e si è avventata su di lui, immobilizzandolo fino all'arrivo di una pattuglia del reparto mobile che era nelle vicinanze. Il ladro è stato così arrestato e il vicequestore aggiunto della Polizia è stata portata all'ospedale Santo Spirito. Visitata dai medici del nosocomio, le sono state riscontrate abrasioni all'avambraccio (dovute al contatto con i vetri del finestrino infranti da una grossa punta di trapano), stiramenti muscolari alle spalle e al collo. Per fortuna, nessuna conseguenza per la gravidanza in corso.

"In quel momento non ho avuto paura, ho pensato unicamente a fermarlo, non volevo che si allontanasse con lo scooter", dice all'AdnKronos Rita Sverdigliozzi. "Lui contava sull'effetto-sorpresa ma è avvenuto l'opposto, non si aspettava la mia reazione. E' stato molto prezioso l'apporto dei colleghi, che mi hanno aiutato a immobilizzarlo".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI