Home . Fatti . Cronaca . Cia, 100mila euro per la ricostruzione dell'Istituto alberghiero di Amatrice

Cia, 100mila euro per la ricostruzione dell'Istituto alberghiero di Amatrice

CRONACA
Cia, 100mila euro per la ricostruzione dell'Istituto alberghiero di Amatrice

Contribuire alla ricostruzione dei territori colpiti dal sisma partendo dagli studenti, perché i giovani e la scuola rappresentano le fondamenta da cui ripartire. Ecco perché la Cia-Agricoltori Italiani ha deciso di consegnare i 100 mila euro raccolti con il “kit amatriciana solidale”, all’indomani del terremoto, al Centro di formazione professionale alberghiero di Amatrice, per sostenere la sua ristrutturazione dopo i danni enormi subiti a causa delle scosse. Una targa simbolica a testimonianza dell’impegno della Confederazione è stata rilasciata oggi al direttore dell’Istituzione Formativa della provincia di Rieti Fabio Barberi a margine dell’VIII Conferenza economica in corso a Bologna.

Anche durante l’emergenza è stato assicurato il diritto allo studio e i ragazzi hanno continuato a seguire i corsi a Rieti ma “ora bisogna lavorare per garantire un futuro a chi ne ha assoluto diritto ad Amatrice -ha affermato il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino- e, in questo modo, concorrere a mantenere vivo il tessuto sociale in aree a cosi forte vocazione rurale, evitando il rischio abbandono e spopolamento”.

La raccolta fondi “kit amatriciana solidale” è stata avviata dalla Cia in occasione del Salone del Gusto di Torino a settembre 2016 e si è conclusa a fine novembre 2016 raggiungendo l’obiettivo di 100 mila euro. E’ stata promossa in collaborazione con Cittadinanzattiva, Actionaid, Libera, Earth Day Italia, Uniceb; e con il sostegno di De Rica, Fiorucci, Siciliani, Casearia De Remigis, Alcar Uno, Ortosole. Nella confezione “speciale” gli ingredienti (pecorino, pomodoro, guanciale, pasta) e la ricetta originale per cucinare a casa il piatto tipico di Amatrice aiutando, allo stesso tempo, la riattivazione delle attività a valenza economica e sociale delle aree terremotate.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI