Home . Fatti . Cronaca . Anziano giù da scogliera, accusa per minori diventa omicidio preterintenzionale

Anziano giù da scogliera, accusa per minori diventa omicidio preterintenzionale

CRONACA
Anziano giù da scogliera, accusa per minori diventa omicidio preterintenzionale

Si sono ridimensionate le accuse nei confronti dei due ragazzi di 15 e 17 anni fermati per l’omicidio di Giuseppe Dibello, 78 anni, avvenuto su una scogliera martedì scorso in località ‘Cala Verdegiglio’ a Monopoli, in provincia di Bari. Escluso l’omicidio volontario aggravato dal tentativo di rapina e il tentativo di omicidio dell’amico della vittima. Al momento rimane per entrambi l’accusa di omicidio preterintenzionale.

I giovani rimangono rinchiusi nell’istituto minorile ‘Fornelli’ di Bari. Alla base della spinta fatale ci sarebbe davvero uno scherzo stupido, come dichiarato ieri dai ragazzi nel corso dell’interrogatorio di garanzia durante l’udienza di convalida dei fermi davanti al gip del Tribunale dei Minorenni di Bari. 

I due fermi sono stati, infatti, convalidati dal gip del Tribunale dei minorenni anche se con la riqualificazione dell'accusa. Inoltre il difensore del 17enne, l'avvocato Giuseppe Sardano, parlando con l'Adnkronos, ha anche precisato di ''non aver mai chiesto'' gli arresti domiciliari per il suo assistito.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI