Home . Fatti . Cronaca . Aggressione Milano, con operazione 'Strade Sicure' già 15mila arresti

Aggressione Milano, con operazione 'Strade Sicure' già 15mila arresti

Operazione di controllo del territorio, in tutta Italia identificate finora 2,8 milioni di persone

CRONACA
Aggressione Milano, con operazione 'Strade Sicure' già 15mila arresti

Ismail Hosni, l'italo-tunisino arrestato a Milano per l'aggressione a due militari e un agente della Polizia Ferroviaria, si aggiunge alle 15.439 persone che sono state arrestate in questi anni per vari reati nel corso dei pattugliamenti assicurati in tutta Italia dai militari dell'operazione 'Strade Sicure' per il contrasto della criminalità e la prevenzione del terrorismo. Dall'inizio dell'operazione (4 agosto 2008) le cifre, a quanto rileva l'Adnkronos, fanno registrare anche 11.212 fermi e 16.642 denunce a piede libero. Sono in tutto 2.822.673 le persone sottoposte a controllo e identificazione dall'inizio dell'operazione.

"Il nostro -dice il tenente colonnello Pasquale Orecchioni, portavoce dell'operazione 'Strade Sicure' per il Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo attualmente guidato dal generale Gianluca Carai, comandante della Brigata Sassari- è un contributo alle attività di prevenzione svolte dalle forze di polizia, attraverso il presidio delle stazioni ferroviarie e della metropolitana, ambasciate, luoghi di culto e spazi di aggregazione, porti e aeroporti. Operiamo in sinergia con le forze dell'ordine, i militari hanno la qualifica di agente di pubblica sicurezza".

Dopo quanto accaduto a Milano "l'attenzione sul territorio è massima, ma lo era già prima che si verificasse l'aggressione ai colleghi, ai quali siamo vicini, augurando loro pronta guarigione. Continuiamo ad operare secondo il mandato assegnato, con il fine ultimo della sicurezza", conclude il tenente colonnello Orecchioni.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI