Home . Fatti . Cronaca . Cannabis, si fuma più in Italia che in Olanda

Cannabis, si fuma più in Italia che in Olanda

CRONACA
Cannabis, si fuma più in Italia che in Olanda

(Fotogramma)

La cannabis continua a piacere agli italiani, molto più che agli olandesi, che possono ottenerla con maggiore facilità. Gli adulti del nostro Paese di età compresa tra 15 e 64 anni, secondo il Rapporto europeo sulle droghe dell'Emcdda diffuso oggi, hanno una prevalenza (significa che l'hanno provata almeno una volta nella vita) del 31,9% nella cannabis, terzi in Europa dopo i francesi (40,9%) e i danesi (35,6%), e seguiti a ruota dagli spagnoli (31,5%). 

Nei Paesi Bassi, dove l'uso personale della cannabis non comporta conseguenze penali (si può acquistare e consumare nei coffee shop), il dato è più basso (25,6%) e inferiore alla media europea (26,3%). Nel Paese dei Tulipani hashish e marijuana tecnicamente non sono legali, ma viene praticata la politica della 'gedoogbeleid' (tolleranza, causa di continue frizioni con i Paesi vicini che attuano politiche diverse), per cui il possesso dello stupefacente fino a cinque grammi non viene perseguito.

In ogni caso, le classifiche sono da considerare indicative, poiché i dati dei 30 Paesi (i 28 Paesi dell'Ue più Turchia e Norvegia) sono disomogenei per anno (variano dal 2011 al 2016).

Considerando la prevalenza tra i giovani adulti (15-34 anni di età) negli ultimi 12 mesi (cioè che hanno fatto uso dello stupefacente almeno una volta nell'ultimo anno), l'Italia è seconda (19%), dopo la Francia (22,1%). La media europea è 13,9%. I Paesi Bassi sono al 16,1%. 

Per la cocaina, gli italiani sono quarti, dopo britannici (prevalenza nel periodo di vita del 9,7%), spagnoli (9,1%) e irlandesi (7,8%), con il 7,6%. Il dato della prevalenza negli ultimi 12 mesi tra i giovani adulti per l'Italia è dell'1,8%, sotto la media europea (1,9%). 

L'Italia ha un numero relativamente basso di morti provocati dalle droghe (8 per milione di abitanti, con 304 casi), inferiore alla media europea (20,3 per milione in Ue, Turchia e Norvegia). La prima è la Svezia, con 100 casi per milione di abitanti (618 in tutto).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI