Home . Fatti . Cronaca . Falso e abuso d'ufficio, Virginia Raggi rischia il processo

Falso e abuso d'ufficio, Virginia Raggi rischia il processo

CRONACA
Falso e abuso d'ufficio, Virginia Raggi rischia il processo

(Fotogramma)

La sindaca di Roma Virginia Raggi rischia il processo per le nomine di Renato Marra e di Salvatore Romeo. La procura di Roma ha chiuso le indagini, passo che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, per le accuse di falso in relazione alla nomina di Renato Marra all'incarico di capo dipartimento per il Turismo e di abuso d’ufficio per quella relativa a Salvatore Romeo a capo della segreteria. L'abuso d'ufficio è stato contestato anche a Romeo.

Gli inquirenti hanno sollecitato, invece, l’archiviazione per Virginia Raggi per l’abuso d’ufficio in relazione alla nomina di Renato Marra, reato che resta contestato al fratello Raffaele. La Procura ha chiesto anche di archiviare la posizione della sindaca Virginia Raggi in relazione alla nomina di Carla Raineri, a capo di gabinetto. L'indagine sulla nomina della Raineri aveva preso il via a seguito dell'esposto presentato da Fratelli d'Italia.

Raggi: "Rinvio a giudizio? Farò quello che prevede il codice etico"

"Attendiamo di visionare tutti gli atti e una volta che prenderemo cognizione del contenuto faremo le nostre valutazioni". A dirlo l'avvocato Alessandro Mancori, legale della sindaca Raggi. "Solo dopo questo passaggio vaglieremo tutte le possibilità, dal deposito di una memoria alla richiesta di essere ascoltati". Sul fascicolo che riguarda la nomina Renato Marra, "apprendiamo con favore che sia caduta l'accusa di abuso d'ufficio. Per il resto quando avremo cognizione degli atti chiariremo".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI