Home . Fatti . Cronaca . Delitto Garlasco, Stasi resta in cella: confermata condanna a 16 anni

Delitto Garlasco, Stasi resta in cella: confermata condanna a 16 anni

CRONACA
Delitto Garlasco, Stasi resta in cella: confermata condanna a 16 anni

(Fotogramma)

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso straordinario presentato da Alberto Stasi, condannato in via definitiva a 16 anni di carcere per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco il 13 agosto 2007. I giudici della prima sezione della Suprema Corte hanno accolto la richiesta del sostituto procuratore generale Roberto Aniello e della parte civile, i difensori Gian Luigi Tizzoni e Francesco Compagna, e hanno ritenuto inammissibile la richiesta in cui si chiedeva di rivedere la sentenza di condanna a causa di una 'svista' da parte della Cassazione che non si sarebbe accorta che nell'appello bis non sono stati risentiti 19 tra testimoni, consulenti e periti.

Nel ricorso, firmato da Stasi e dal difensore Angelo Giarda, si chiedeva la revoca della sentenza definitiva e di "rilevare l’errore di fatto", in assenza del quale "l’esito decisorio sarebbe stato differente". Un errore che ha leso, a dire della difesa, "il diritto ad un equo processo" sancito dalla Costituzione e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Testimonianze che vanno dal Dna della vittima trovato sui pedali della bicicletta dell'imputato, all'impronta di Stasi sul dispenser del portasapone; dal risultato della perizia sulle tracce di sangue sul pavimento di casa Poggi fino al racconto di chi varcò per primo la soglia della villetta di via Pascoli.

Una richiesta a cui sia il pg che i legali di parte civile si sono opposti sottolineando l’inammissibilità del ricorso perché la sentenza definitiva si fonda sui nuovi dati probatori "acquisiti nel relativo giudizio, attraverso i quali i numerosi indizi già esistenti hanno finito per integrarsi, senza alcuna rivalutazione dell'attendibilità delle testimonianze già acquisite in fase di indagine o in primo grado".

In sostanza dei 19 testimoni chiesti dalla difesa, sostiene l'accusa, nessuno risulta determinante per la sentenza che ha condannato in via definitiva Stasi; dunque nessuna violazione c’è stata nei suoi confronti.

LEGALE POGGI - "Il rigetto di quest'ulteriore ricorso conferma come la sentenza di condanna sia stata emessa all'esito di un giusto processo, grazie alla prove schiaccianti faticosamente acquisite dalla Corte di Assise di Appello di Milano. Anche nei momenti più difficili la famiglia Poggi ha sempre creduto nella giustizia, senza mai cercare giudizi sommari". Gian Luigi Tizzoni e Francesco Compagna, legali della famiglia Poggi, commentano così la decisione della Corte di Cassazione.

Un ricorso "inammissibile", già sotto il profilo formale, "perché depositato in cancelleria da una persona priva della procura speciale", ma soprattutto sostanziale. "La Corte di Cassazione - spiegano gli avvocati - era perfettamente consapevole dell'effettivo sviluppo del procedimento e della fase processuale nella quale sono stati assunti i numerosi dati probatori".

Per Tizzoni e Compagna "è sufficiente una fugace lettura delle prime pagine della sentenza per capire che lo sviluppo della complessa vicenda processuale era perfettamente nota al collegio giudicante" e che la condanna definitiva "è pacificamente fondata sui nuovi dati probatori acquisiti nel relativo giudizio, attraverso i quali i numerosi indizi già esistenti hanno finito per integrarsi come le tessere di un mosaico, senza alcuna rivalutazione dell'attendibilità delle testimonianze già acquisite in fase di indagine o in primo grado".

In altri termini dei 19 testimoni chiesti dalla difesa nessuno risulta determinante per la sentenza che ha condannato in via definitiva Stasi. "Non è un caso - evidenziano i legali - che nel ricorso non c'è nessun passaggio delle deposizioni rese da quei testi in quanto non esiste alcuna dichiarazione 'decisiva' resa nel corso delle indagini o in primo grado che sia stata rivalutata in senso opposto in appello" e da qui deriva "la radicale infondatezza della tesi impropriamente avanzata da Stasi e dal suo avvocato".

La decisione della Cassazione chiude un lungo processo che ha visto più colpi di scena: dopo una doppia assoluzione è stata proprio la Suprema Corte, nell'aprile 2013, a rimandare gli atti ai giudici milanesi chiedendo una rilettura "complessiva e unitaria degli elementi acquisiti". Le nuove prove raccolte nel processo d'appello bis determinano la condanna a 16 anni per Alberto Stasi, pena confermata in via definitiva il 12 dicembre 2015 e che lo portano dietro le sbarre del carcere milanese di Bollate.

Inutile il recente tentativo della difesa di Stasi di 'riaprire' il processo puntando il dito contro un nuovo sospettato: gli elementi raccolti contro Andrea Sempio si dimostrano inconsistenti e la posizione del giovane di Garlasco viene archiviata. Dopo la 'bocciatura' di oggi da parte della Cassazione, Stasi resta in carcere.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI