Home . Fatti . Cronaca . Roma, incendio in pineta a Ostia: un arresto

Roma, incendio in pineta a Ostia: un arresto

CRONACA
Roma, incendio in pineta a Ostia: un arresto

Un nuovo incendio devasta la pineta di Castel Fusano, sul litorale romano. Un uomo è stato arrestato dai carabinieri: si tratta di un idraulico 22enne, originario di Busto Arsizio (Varese). Il giovane è indiziato di tentato incendio boschivo. I carabinieri di Acilia, che stavano collaborando con i forestali di Ostia per il rogo nella pineta, hanno visto il 22enne nella zona in cui le fiamme hanno avuto origine: stava cercando di dare fuoco a dei fazzoletti e quando ha visto i militari ha provato a scappare. Il ragazzo è stato bloccato e portato in caserma prima del trasferimento a Regina Coeli.

Oltre ai vigili del fuoco - impegnati a spegnere le fiamme con 5 squadre di terra con due elicotteri e 1 aereo - è intervenuta la polizia locale per gestire la viabilità. Il rogo ha provocato la chiusura della via Cristoforo Colombo da Casalpalocco a Ostia, in entrambe le direzioni, con conseguenze notevoli ovviamente sul traffico in uscita da Roma verso il litorale. Ripercussioni sulla viabilità anche a livello locale. Via di Castel Porziano è chiusa dalla litoranea e via dei Pescatori è chiusa dal lungomare.

Sul posto si è recata anche la sindaca Virginia Raggi. "Siamo alla periferia di Roma, a Castelfusano dove si è verificato un vasto incendio che ha messo in allarme tutta la popolazione residente. Al momento non possiamo escludere alcuna ipotesi sulle cause. Ringrazio tutte le squadre di soccorso che stanno operando senza sosta", scrive la prima cittadina su Facebook. "Il Comune c'è, serve il supporto della Regione e del governo. Roma non può essere lasciata sola", dice la Raggi.

L'incendio della pineta di Castel Fusano è solo uno degli eventi che oggi hanno richiesto nel complesso 1030 interventi dei vigili del fuoco sul territorio nazionale. Il numero maggiore di roghi si è verificato nel Lazio, dove i Vigili del fuoco hanno effettuato 280 operazioni. Seguono la Campania con 250, la Toscana con 150, la Calabria con 110 e la Puglia con 100.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI