Home . Fatti . Cronaca . Pienza e Rinascimento, la città ideale di Pio II

Pienza e Rinascimento, la città ideale di Pio II

CRONACA
Pienza e Rinascimento, la città ideale di Pio II

Pienza, piazza Pio II (CREDIT: Fabrizio Ardito)

Trasformare un borgo medievale in una "città ideale", dove passeggiare toccando con mano l'anima del Rinascimento. Intorno, le colline della Val d'Orcia, una delle più belle campagne del mondo. E' il progetto visionario di Enea Silvio Piccolomini che, diventato Papa nel 1458 con il nome di Pio II, volle "lasciare un monumento a diuturna memoria delle proprie origini". Un sogno diventato realtà.

E' così infatti che è nata Pienza, il cui centro storico, dichiarato dall'Unesco patrimonio dell'umanità nel 1996, è oggi promosso dal progetto di Autostrade per l'Italia 'Sei in un Paese meraviglioso', nell'area di servizio Badia al Pino Ovest, uscita autostradale Valdichiana (FOTO).

Situata sulla sommità di un colle dominante la Val d’Orcia, 53 km a sud-est di Siena, Pienza fu fondata nel Medioevo con il nome di Corsignano. La città fu poi ribattezzata e ridisegnata nel tardo XV secolo da Papa Pio II, nato in questa città toscana. Fu qui che i concetti urbanistici rinascimentali vennero messi in pratica per la prima volta, in seguito alla decisione del Papa di incaricare Bernardo Rossellino di trasformare l’aspetto del proprio borgo natio. Rossellino applicò i principi del suo maestro, Leon Battista Alberti, filosofo e architetto umanista, autore del primo trattato sull’architettura del Rinascimento. Il Papa fu anche ispirato dal filosofo tedesco e cardinale Niccolò Cusano e dalla tradizione gotica germanica. Ciò è evidente all’interno della Cattedrale di Pienza, nel tipico stile tardogotico delle chiese della Germania meridionale, mentre l’esterno è in pure forme rinascimentali. Il campanile mescola forme gotiche e rinascimentali.

La nuova visione dello spazio urbano si concretizzò nella splendida piazza trapezoidale, nota come Piazza Pio II. La costruzione di importanti nuovi edifici intorno alla piazza iniziò nel 1459, e incluse la cattedrale, il Palazzo Piccolomini, il Palazzo Borgia (o Palazzo Episcopale), il Presbiterio, il Municipio e il Palazzo Ammannati. Pur conservando in buona parte il piano urbanistico medievale, un nuovo asse stradale, Corso Rossellino, fu costruito per collegare le due porte principali delle mura medievali, che furono anche ricostruite nello stesso periodo. Il progetto di Pio II di sviluppare la città come la sua residenza estiva comportò la costruzione o ristrutturazione di circa 40 edifici, pubblici e privati, e contribuì a trasformare il borgo medievale in un esempio del Rinascimento italiano. Fra questi, si contano i nuovi edifici per i cardinali al seguito del Papa, oltre a 12 nuove case per il popolo edificate vicino alle mura e alla Porta al Giglio.

Come prima applicazione del concetto umanistico rinascimentale di disegno urbanistico, la città occupa una posizione determinante nell’evoluzione del concetto di “città ideale” progettata, che avrebbe svolto un ruolo significativo nello sviluppo urbanistico successivo in Italia e all’estero.

Il perimetro del sito, che coincide con le sue mura originarie, include tutti gli elementi che contribuiscono alla dimostrazione dell’Eccezionale Valore Universale. Il complesso creato da Pio II ha conservato la sua integrità strutturale ed estetica, mantenendosi sostanzialmente intatto in tutti i suoi elementi.

Nei criteri di iscrizione previsti dalla Convenzione sulla protezione del Patrimonio Mondiale si spiega che "l’applicazione del principio rinascimentale di “città ideale” a Pienza, specialmente nel gruppo di edifici attorno alla piazza centrale, si è tradotta in un capolavoro del genio creativo dell’uomo". Il centro storico di Pienza, "rappresenta la prima applicazione del concetto umanistico e rinascimentale di disegno urbanistico e in quanto tale ricopre una posizione significativa nell’evoluzione dello sviluppo urbano successivo in Italia e all’estero" e "gli edifici intorno alla piazza centrale di Pienza rappresentano un esempio straordinario di stile umanistico rinascimentale".

'Montepulciano. La piazza del Rinascimento', 'Cortona. Sulle orme di San Francesco' e 'Bagno Vignoni: le acque del Magnifico' sono gli altri itinerari proposti lungo l'autostrada da 'Sei in un Paese meraviglioso', nell'area di servizio Badia al Pino Ovest.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.