Home . Fatti . Cronaca . Favelas Tevere, un pugno allo stomaco nel cuore di Roma

Favelas Tevere, un pugno allo stomaco nel cuore di Roma

CRONACA

di Ilaria Floris

Addio alla bellezza senza tempo del 'biondo' Tevere. Il fiume di Roma immortalato nel film premio Oscar 'La Grande bellezza' di Paolo Sorrentino è sempre più minacciato dal degrado e dall'abbandonano. Nascoste, ma ormai neanche tanto, tra la vegetazione e sotto i ponti nascono ogni giorno favelas e accampamenti. Dormitori a cielo aperto per i tanti disperati che cercano un rifugio di fortuna. Asfissiato dall'incuria, baracche e discariche, il Tevere è vittima di un gioco di rimpalli tra le varie amministrazioni che dovrebbero invece tutelarlo e rilanciarne le grandi possibilità turistiche. L'Adnkronos ha realizzato un reportage sul fiume scoprendo le due facce del Tevere. Sulle sponde di quello che è il terzo fiume italiano per lunghezza non ci sono solo disperati e abusivi, il Tevere è infatti una risorsa insospettabile. Ma occorre fare presto.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI