Home . Fatti . Cronaca . Abbattuta in Trentino l'orsa KJ2

Abbattuta in Trentino l'orsa KJ2

CRONACA
Abbattuta in Trentino l'orsa KJ2

(Immagine d'archivio)

Gli agenti del Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento ieri sera hanno proceduto all’abbattimento dell’orsa KJ2 in attuazione dell’ordinanza emessa dal presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi per garantire la sicurezza delle persone.

"Ciò è stato possibile - si legge nella nota della Provincia – grazie alle precedenti attività di identificazione genetica e successiva cattura e radiocollarizzazione ai fini della riconoscibilità dell’animale. Il documentato indice di pericolosità dell’esemplare, culminato nel ferimento di due persone, ha richiesto l’attuazione dell’ordinanza nel più breve tempo possibile. Sempre in funzione della prioritaria sicurezza delle persone continueranno in maniera intensiva tutte le attività condotte per ridurre il rischio di incidenti".

"L'abbattimento - ha specificato il presidente Rossi - è avvenuto nell'area del Bondone".

INSORGONO GLI ANIMALISTI - "Non è bastato nel 2014 il caso dell’orsa Daniza uccisa dall’anestesia mentre tentavano di catturarla - commenta Michela Vittoria Brambilla, presidente del Movimento animalista - nonostante gli appelli, gli avvertimenti, gli ammonimenti, i ricorsi, l’amministrazione provinciale di Trento ancora una volta ha dato prova di prepotenza e crudeltà, dichiarando e portando fino in fondo una guerra all’orsa KJ2 terminata, come purtroppo avevamo previsto, con la morte dell’animale".

"Va da sé - prosegue - che invocheremo chiarezza in tutte le sedi, politiche e giudiziarie e non cesseremo di farlo finché non sapremo tutto quello che c’è da sapere, finché non saranno individuati i responsabili, finché i responsabili non pagheranno. Nulla, però, potrà restituire la vita a KJ2, rea di essere se stessa un animale selvatico che reagisce alle offese dell’uomo con le unghie e con i denti. La responsabilità di questa morte ricade interamente su chi l’ha voluta e preordinata, ben sapendo che non era necessaria".

"Eravamo preoccupati per la vita dell'orsa KJ2 e purtroppo puntualmente quello che avevamo pensato si è avverato: gli assassini hanno colpito ancora - afferma in una nota l'Aidaa, associazione italiana in difesa di animali e ambiente - e ieri sera hanno ucciso KJ2 l'orsa che rappresentava a loro dire un pericolo per la comunità umana".

L'associazione "da subito sospende tutte le attività associative in segno di lutto per quanto accaduto e invita tutti gli italiani a boicottare da subito i prodotti trentini e a disdire le vacanze o i soggiorni programmati nella Provincia autonoma di Trento".

"Legalmente parlando, l'uccisione di KJ2 non resterà impunita - dice il presidente di Aidaa, Lorenzo Croce - Diamo subito via al boicottaggio e poi a tutte le pratiche utili per fermare legalmente e isolare la mano assassina degli animali di Ugo Rossi, per il quale chiederemo anche la condanna del Parlamento Europeo".

E Luana Zanella, esponente dell'esecutivo dei Verdi, annuncia: "Denunceremo il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, per l'uccisione dell'Orsa KJ2, visto che si è constatato che l'animale era ricercato solo per aver risposto all'aggressione di un uomo con il suo cane il 22 luglio".

PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TRENTO- Ma per il presidente della Provincia di Trento "le condizioni di tempo, spazio e luogo, e l'indice di pericolosità di questo esemplare hanno imposto questo tipo di scelta ma anche perché la cattività degli animali è un fatto che può sembrare risolutivo ma in realtà non lo è. Noi vogliamo andare avanti con il progetto Life Ursus".

"Bisogna usare la scienza, la coscienza e il buonsenso per gestire gli esemplare pericolosi, esattamente come si fa in tutto il mondo dove quando questo pericolo sale oltre una certa soglia ed è documentato, come in questo caso, si procede all'abbattimento - sottolinea Rossi - per garantire la sicurezza delle persone che viene prima di ogni cosa".

"In un periodo come quello di Ferragosto in un'area frequentata da turisti e da residenti, con un'esemplare che oltre ai due ferimenti delle persone si è reso protagonista anche di altri episodi importanti, tutte le regole scientifiche ma anche giuridiche indicano che questa era un'assoluta necessità. Siamo convinti - dice - di aver operato la scelta migliore".

"Oggi siamo qui a commentare un abbattimento ma se questo orso avesse avuto un altro incontro in questi giorni, magari con un bambino o con una famiglia con bambini e ci fosse stato un altro ferimento staremmo qui a fare altri commenti. Ecco perché abbiamo attuato questa ordinanza in questo modo", conclude il presidente della Provincia.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI