Home . Fatti . Cronaca . Cozza e pomodorino, infermiere cucina in ospedale: scatta indagine

Cozza e pomodorino, infermiere cucina in ospedale: scatta indagine

CRONACA
Cozza e pomodorino, infermiere cucina in ospedale: scatta indagine

“La foto che ritrae un infermiere del Cardarelli che cucina allegramente in una delle stanze dell’ospedale mettendosi addirittura in posa, è un insulto per tutti i suoi colleghi che ogni giorno svolgono questo delicatissimo ruolo con estrema professionalità. Dalla foto sembra emergere, inoltre, che la 'postazione di cucina' sia tutt’altro che improvvisata facendo pensare che non si tratti di un episodio occasionale ma di una pessima consuetudine perpetrata in spregio alle più elementari norme igieniche e di sicurezza”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli membro della commissione Sanità commentando la foto pubblicata su un social network.

“Non appena ho avvisato il direttore del più grande ospedale del Mezzogiorno, Ciro Verdoliva, immediatamente è scattata la verifica di quanto segnalato che ha confermato la presenza di materiale vario non idoneo al posto di lavoro e la contestuale apertura di un’indagine interna sull’accaduto - prosegue Borrelli - in modo da poter prendere gli opportuni provvedimenti per tutelare l’immagine dell’ospedale. L'ospedale non è un ristorante e mi auguro che cucinare non sia un modo di qualche dipendente per passare il tempo durante l'orario di lavoro o fuori orario ma in ogni caso in luoghi inidonei e dove ci vorrebbe il massimo dell'igiene”.

“Non sarà di certo questa foto a vanificare il duro lavoro che la Regione, insieme ai dirigenti delle Asl, ai medici e agli infermieri, sta facendo per dare ai cittadini un servizio sanitario di eccellenza - conclude Borrelli - ma proprio per questo simili atteggiamenti devono essere severamente sanzionati”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI