Home . Fatti . Cronaca . Orrore a Roma, fatta a pezzi e messa nei cassonetti: confessa il fratello

Orrore a Roma, fatta a pezzi e messa nei cassonetti: confessa il fratello

CRONACA
Orrore a Roma, fatta a pezzi e messa nei cassonetti: confessa il fratello

(FOTOGRAMMA)

Ha confessato il fratello di Nicoletta Diotallevi, la donna uccisa e fatta a pezzi a Roma. Martedì sera, verso le 20, i primi resti del cadavere sono stati rinvenuti in un cassonetto in viale Maresciallo Pilsudski: nel cassonetto c'erano delle gambe tagliate all'altezza dell'inguine. In un cassonetto in via Pannini, nei pressi di via Guido Reni, gli agenti della polizia scientifica hanno poi trovato il busto e la testa della vittima.

Il fratello della donna, il 62enne Maurizio Diotallevi, ascoltato in Questura, ha confessato il delitto. Il pm ha disposto il fermo. L'omicidio sarebbe scaturito per motivi economici. La vittima abitava con il fratello in un appartamento della zona.

LE INDAGINI - Intorno alle 20 di martedì, una ragazza che rovistava nei cassonetti ha trovato due gambe apparentemente di donna legate con del nastro da pacchi: la ragazza si è rivolta immediatamente alla polizia. Gli investigatori della Mobile, coadiuvati dai colleghi del commissariato Villa Glori e della polizia Scientifica, hanno subito acquisito alcune immagini di telecamere installate nei pressi del luogo ove sono stati rinvenuti gli arti, dalle quali emergeva che un uomo nella notte tra il 14 e il 15, gettava un oggetto voluminoso nel cassonetto.

Simultaneamente, sono state passate al setaccio le più recenti denunce di scomparsa, tra le quali emergeva quella di una donna di 59 anni di cui non si avevano notizie dal 14 che abitava con il fratello poco più grande di lei in un appartamento del quartiere Flaminio, dove i poliziotti hanno rintracciato l’uomo, che fin da subito ha fornito dichiarazioni contrastanti. Condotto in questura, è stato sottoposto ad interrogatorio dal Pm titolare dell’indagine: dinanzi al magistrato, il 62enne ha ammesso di essere l’autore dell’omicidio e del tentativo di occultamento del cadavere.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI