Home . Fatti . Cronaca . Milano, da Pechino arriva il bike sharing 'libero'

Milano, da Pechino arriva il bike sharing 'libero'

CRONACA
Milano, da Pechino arriva il bike sharing 'libero'

Nuove biciclette del Comune, bike sharing free floating (Fotogramma)

Si definisce 'station-less' e arriva da Pechino. E' il nuovo bike-sharing a flusso libero in arrivo a Milano che non ha bisogno di apposite rastrelliere e sistemi di sicurezza vari. Oggi in città c'è stata la posa ufficiale delle prime biciclette che si potranno prelevare con un'app e parcheggiare ai bordi della strada. Saranno in tutto 12mila le bici a disposizione dei cittadini entro la fine dell’anno e due gli operatori a gestire il servizio, Mobike e Ofo.

Il Comune ha diviso il servizio in 3 lotti da 4mila bici ciascuno: Mobike avrà una flotta di 8mila mezzi (due i lotti aggiudicati) e Ofo una flotta di 4mila (1 lotto). "Le biciclette potranno essere parcheggiate lungo i bordi delle strade laddove non ci sia sosta riservata o divieto e in tutte le aree di sosta per velocipedi presenti in città: oltre 670 postazioni per un totale di 8.300 posti (in stalli o rastrelliere) diffusi sul territorio", spiega il Comune di Milano.

Circa mille posti in più sono già stati programmati dall’Amministrazione e saranno realizzati entro la fine di quest’anno. Oltre 400 posti saranno poi dedicati esclusivamente alle bici in condivisione a flusso libero e saranno localizzati in tutta la città: da Corvetto a Certosa, da Garibaldi a Bisceglie, da Loreto a Crescenzago, da Cinque Giornate a Maciachini.

"L’utilizzo condiviso della bicicletta negli spostamenti in città, sia in modo esclusivo sia abbinato al trasporto pubblico, contribuirà a diminuire ancora quel 30% dei milanesi e il 58% di chi viene da fuori città che utilizzano abitualmente l’auto privata, aiutando la città ad essere meno congestionata e ad avere un’aria più pulita", è l'obiettivo dell'amministrazione.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI