Home . Fatti . Cronaca . Sgomberi, Raggi contestata al Campidoglio

Sgomberi, Raggi contestata al Campidoglio

CRONACA
Sgomberi, Raggi contestata al Campidoglio

(FOTOGRAMMA)

"L'incontro si è concluso con un nulla di fatto. Ora faremo un'assemblea a piazza Madonna di Loreto, i presidi continuano". Lo ha detto Cristiano Armati, portavoce del Movimento per il diritto all'abitare e membro della delegazione che ha partecipato all'incontro con il prefetto Paola Basilone, la sindaca di Roma Virginia Raggi e l'assessore regionale alle politiche abitative Fabio Refrigeri.

Dopo il vertice in Prefettura, la prima cittadina è stata contestata al suo arrivo in Campidoglio da un gruppo di occupanti dei movimenti. La contestazione, da parte di un gruppo di poche persone, è avvenuta mentre la sindaca rilasciava una dichiarazione all stampa. "Casa subito, casa subito", ha urlato una donna. "Vergogna, i poveri sono tutti fragili", ha aggiunto. Un blindato della polizia presidia l'ingresso principale del Campidoglio, che è stato transennato.

LA SINDACA - "La posizione del Comune è molto chiara. Noi sul tema dell'emergenza abitativa dobbiamo dare priorità a chi sta aspettando una casa da decenni" ha detto la sindaca al suo arrivo in Campidoglio.

"Per quanto riguarda l'emergenza abitativa, siamo in contatto con la Regione e continueremo a completare il percorso per una nuova definizione di questa linea, sempre nel percorso della legalità. Tutte le istituzioni sono concordi nel dire che non bisogna scatenare guerra tra poveri. Questa è la posizione ufficiale" ha aggiunto.

L'INCONTRO - In merito all'incontro a Palazzo Valentini, Raggi ha spiegato: "Direi che è andata bene. La posizione del Comune è molto chiara, dobbiamo dare assolutamente la priorità alle persone che attendono casa da decenni e alle persone fragili, ossia agli anziani, i disabili e le mamme con bambini. Questa soluzione è stata proposta ripetutamente, e continuerà ad essere ancora proposta dal Comune di Roma alle persone che sono attualmente in strada. Purtroppo hanno rifiutato più volte e noi continueremo perché questa è la direzione da prendere".

Come ribadito dal portavoce del Movimento, "la soluzione proposta è quella del circuito dell'accoglienza del Comune di Roma - ha affermato Armati dopo il vertice - che è riservato esclusivamente a quello che viene definito fragilità, cioè donne incinta separate dai mariti, gli anziani disabili separati da chi fino a quel momento si stava prendendo cura di loro. Non c'è nient'altro, questo deve fare orrore".

SOLUZIONI PER LE FRAGILITA' - "Il Comune continua ad offrire delle soluzioni per quelle che vengono definite fragilità - ha proseguito - Però non c'è un percorso chiaro che può portare all'assegnazione della casa popolare sia per chi è stato sgomberato da via Curtatone ma anche per chi ha perso il lavoro e soprattutto per tutti quelli che hanno trovato delle soluzioni che l'amministrazione definisce illegali, ma noi non pensiamo che lo siano".

"In concreto c'è quello che c'era prima, questa è una proposta inaccettabile - ha sottolineato -. Rimangono tutti per strada, non c'è una soluzione di nessun tipo. Restano per strada gli eritrei come quelli che stanno in graduatoria per la casa popolare".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.