Home . Fatti . Cronaca . Pontida, parcheggi rosa per donne etero: dietrofront del sindaco

Pontida, parcheggi rosa per donne etero: dietrofront del sindaco

CRONACA
Pontida, parcheggi rosa per donne etero: dietrofront del sindaco

(Fotogramma)

Parcheggi riservati alle donne, ma solo eterosessuali. Si tratta di un'iniziativa dell'Amministrazione comunale di Pontida, roccaforte bergamasca della Lega Nord. Obiettivo della delibera della giunta comunale è quello di andare incontro alle esigenze delle donne in gravidanza o delle mamme con bambini e annessi passeggini o carrozzine grazie all'istituzione di parcheggi rosa, ovvero i parcheggi di cortesia riservati alle donne.

Peccato però che ci siano delle limitazioni. Nella delibera viene infatti precisato il concetto di "donna", quale componente esclusivamente di una "famiglia naturale". "Ai fini del presente regolamento - si legge nella delibera - per ‘nucleo familiare naturale’ si intende una famiglia composta dall’unione di un uomo ed una donna a fini procreativi". Ne deriva che le donne omosessuali non potranno usufruire dell'iniziativa. La prima protesta arriva arriva dal blog LezPop, dove si legge che l’iniziativa del comune di Pontida è "davvero imbarazzante e la dice lunga sul livello di stupidità (e di omofobia) di certe amministrazioni locali". Sul blog ci si chiede poi come si possa capire e certificare se una donna è lesbica o etero.

DIETROFRONT DEL SINDACO - "Domani il primo atto sarà la modifica del regolamento. I parcheggi rosa sono destinati a tutte le mamme e le donne che aspettano un bambino. Senza alcuna distinzione". Così il sindaco di Pontida Luigi Carozzi e il segretario provinciale della Lega a Bergamo Daniele Belotti. Lo si legge in un comunicato dell'ufficio stampa del Carroccio.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI