Home . Fatti . Cronaca . Morte bimbo curato con omeopatia, genitori assolti

Morte bimbo curato con omeopatia, genitori assolti

CRONACA
Morte bimbo curato con omeopatia, genitori assolti

(Fotogramma)

Sono stati assolti dal Tribunale di Lecce 'perchè il fatto non sussiste' (la formula più ampia) i genitori del piccolo Luca, 4 anni, morto il 20 ottobre del 2011 a Tricase. La causa ultima della morte fu una broncopolmonite fulminante che si innestò probabilmente su una malattia genetica incurabile. Una sindrome da malnutrizione, come sarebbe emerso dall'autopsia.

A causare la morte non sarebbero state le mancate cure o una alimentazione inadatta ma l’impossibilità di assorbire proteine. Dal dibattimento è emerso che il bambino era seguito da una pediatra. Il padre Luigi Monsellato, medico omeopata, noto anche come Marcello, e la compagna Giovanna Pantaleo erano accusati di omicidio colposo.

Nel novembre del 2015 il gip del Tribunale di Lecce, Alcide Maritati, aveva respinto la richiesta di archiviazione avanzata dal pubblico ministero Alberto Santacatterina e aveva disposto l'imputazione coatta. Secondo le indagini dell'epoca il piccolo era morto a causa di cure omeopatiche ritenute inadeguate per curare l'influenza. Entrambi gli imputati erano assistiti dagli avvocati Lorenzo Valgimigli del foro di Ravenna (i genitori risiedono al nord) e Giulio De Simone del foro di Lecce.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.