Home . Fatti . Cronaca . Ilva, la giornata più lunga

Ilva, la giornata più lunga

CRONACA
Ilva, la giornata più lunga

(AdnKronos)

Gli operai dell'Ilva incrociano le braccia contro la proposta di piano industriale di AM InvestCo, che per i lavoratori significa soprattutto la prospettiva di 4mila esuberi. E il rischio di perdere 6-7mila euro tra anzianità e premi.

GENOVA - E' arrivato davanti alla prefettura il corteo di Genova. In mattinata è giunta una convocazione per un incontro da parte del prefetto Fiamma Spena con sindacati e autorità, alla presenza del sindaco di Genova Marco Bucci e del governatore ligure Giovanni Toti. Davanti alla prefettura ingente schieramento di polizia in assetto antisommossa.

"Il fermo in fabbrica durerà finché non abbiamo una convocazione - ha spiegato dal corteo Bruno Manganaro, segretario genovese della Fiom Cgil -. Noi vogliamo qualcuno che a nome del governo, non nascondendosi dietro a Mittal, ci dica se si rispettano o no le leggi dello Stato. "Io sono un po' vecchio ma non ho mai visto un governo strappare così una legge dello Stato".

Si è unita al corteo anche una delegazione di lavoratori del porto e dei vigili del fuoco. "Siamo esasperati e indignati - ha concluso Manganaro - per il comportamento del governo, perché quella lettera non l'ha scritta solo Mittal, l'ha scritta anche il governo".

NOVI LIGURE - Anche i lavoratori della Ilva di Novi Ligure, nell'alessandrino, sono in sciopero a difesa del contratto e contro i 4.000 esuberi annunciati, di cui una cinquantina proprio nel sito alessandrino.

TARANTO - Sciopero di 24 ore poi per i lavoratori dello stabilimento di Taranto. Il consiglio di fabbrica rispedisce ai nuovi proprietari e al governo anche "l'azzeramento degli accordi vigenti, il licenziamento e le assunzioni con il Job's Act, l’azzeramento degli istituti contrattuali, la discriminazione tra lavoratori" e la mancanza di prospettive “per gli operai degli appalti”.

"Ci rifiutiamo di considerare che tale impostazione possa rappresentare il punto di partenza della trattativa che vede coinvolti migliaia di lavoratori e le loro famiglie come fossero merce di scambio".

Fim, Fiom, Uil Usb invitano "i lavoratori ad aderire in massa alle iniziative di mobilitazione e di lotta messe in campo per impedire ad Am Investco e Governo di sbeffeggiare ulteriormente un territorio già fortemente devastato dal punto di vista ambientale, sanitario e occupazionale. Nella prima giornata di protesta bisogna dare un forte segnale - sottolineano - aderendo compatti allo sciopero, condizione unica in cui l'assenza dei lavoratori fermi la produzione e per poter programmate le mobilitazioni prossime necessarie".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.