Home . Fatti . Cronaca . Bologna, niente casa a due studenti perché uno è nero

Bologna, niente casa a due studenti perché uno è nero

CRONACA
Bologna, niente casa a due studenti perché uno è nero

(Fotogramma)

Niente casa per due studenti ravennati iscritti all'Università di Bologna perché uno dei due è nero. E' successo a Bologna. Carlo Donati, iscritto alla facoltà di Scienza della Comunicazione e Yosef, iscritto all'Isef, sono amici da tanti anni e vogliono andare ad abitare insieme a Bologna, dove frequenteranno l'università. Trovano un appartamento dove ci sono già degli altri ragazzi ma quando l'impiegata dell'agenzia che affitta gli alloggi nel residence scelto si accorge che uno dei due ragazzi è nero cambia atteggiamento e li liquida dicendo loro che non affittano a stranieri.

La vicenda è stata raccontata anche dal padre di Carlo, Filippo Donati, albergatore e presidente della Assohotel nazionale. "Mio figlio - ha scritto su Facebook - mi ha telefonato, è a Bologna ed è affranto. Aveva la voce bassa, biascicava le parole ed ho sentito dirgli una cosa devastante. All'appuntamento per gli accordi, con l'affittuario, si sono visti respingere e liquidare in meno di cinque minuti, perché il suo amico (e da adesso è anche mio figlio) Yosef è 'negro'. Non ho altro da aggiungere, per il momento, se non che andrò molto presto a Bologna".

"Questa mattina - ha raccontato Donati - mio figlio era felice, aveva infatti trovato, dopo tante ricerche, un appartamento a Bologna. Lui e Yosef, suo amico da una decina di anni, hanno deciso di condividere l'appartamento, si sono dati un budget e mi hanno pure chiesto di aiutarli a trovare qualche lavoretto, durante i loro weekend a Ravenna, per tentare di essere indipendenti".

"Figlio mio vattene da Bologna, vattene dall'Italia, finché sei in tempo. Qui stiamo costruendo, e siamo già a buon punto, una società incivile" ha concluso.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI