Home . Fatti . Cronaca . Epilessia, cos'è

Epilessia, cos'è

CRONACA
Epilessia, cos'è

Una donna è stata invitata a restarsene a casa sua dopo che, in un ristorante, ha avuto una crisi epilettica. Un nuovo caso di discriminazione, fa notare la Fie (Federazione italiana epilessie). Sebbene poco conosciuta, l’epilessia è una malattia molto diffusa in Italia: ne sono colpite circa 500.000 persone e ogni anno vengono diagnosticati tra 29.500 e 32.500 nuovi casi, cioè una persona ogni 17 minuti scopre di avere questa malattia.

Malattia neurologica caratterizzata da episodi di perdita di coscienza, alterazioni motorie e sensoriali, caduta o stato di assenza, può manifestarsi a qualunque età anche se, in oltre il 60% dei casi, l'esordio avviene in età pediatrica.

Esistendo diverse forme cliniche, spiega in una guida la Lice (Lega italiana contro l’epilessia), è meglio parlare di epilessie al plurale anche perché si traduce anche in prognosi diverse: alcune forme (la maggior parte) sono infatti compatibili con una qualità di vita pressoché normale; altre (per fortuna più rare) sono invece di maggiore gravità. Si manifestano attraverso sintomi molto diversi, le cosiddette crisi epilettiche, improvvise e transitorie. Quando i neuroni, per qualche ragione, diventano "iperattivi” scaricano impulsi elettrici in modo eccessivo e ciò può provocare una crisi.

Le crisi sono definite parziali (o focali), quando iniziano in una zona circoscritta del cervello da cui possono propagarsi poi ad altre aree cerebrali, e generalizzate, quando coinvolgono fin dall’inizio i due emisferi cerebrali nella loro globalità. Le crisi parziali non sempre comportano la perdita completa della coscienza e si manifestano con sintomi diversi secondo l’area cerebrale interessata dalla scarica. Le crisi generalizzate, quella avuta da Susanna nel ristorante, invece, in genere si associano a perdita totale della coscienza.

Le sindromi epilettiche sono caratterizzate da una serie di sintomi e segni che si manifestano insieme e costituiscono una particolare condizione clinica; la loro classificazione permette di indirizzare a una cura e determinarne la prognosi.

Si ritiene che cause genetiche siano alla base della maggior parte di quelle epilessie che fino a qualche anno fa venivano definite senza causa apparente (epilessie idiopatiche). Le cosiddette epilessie sintomatiche sono dovute, invece, a lesioni cerebrali che si possono verificare in gravidanza o durante il parto per sofferenza fetale, oppure essere conseguenti a malformazioni del cervello (per un errore di sviluppo corticale), a esiti di malattie infettive del sistema nervoso (encefaliti), di traumi cranici gravi (per es. per incidenti stradali), di tumori cerebrali, di ictus (soprattutto negli anziani), di malformazioni dei vasi cerebrali.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI