Home . Fatti . Cronaca . Machete e pallottole, l'orrore nel racconto dei migranti

Machete e pallottole, l'orrore nel racconto dei migranti

CRONACA
Machete e pallottole, l'orrore nel racconto dei migranti

(Foto

C'è un ragazzo con un taglio da machete e una pallottola ancora in corpo, una ragazza torturata e violentata, altre seviziate, tantissimi i bambini senza genitori. Sono terribili i racconti dei migranti arrivati questa mattina al porto di Palermo a bordo della nave 'Aquarius' di Sos Mediterranee.

"Le operazioni di salvataggio eseguite dalla nave negli ultimi giorni dimostrano che la crisi umanitaria nel Mediterraneo centrale continua o addirittura peggiora - spiega Valeria Calandra, presidente di Sos Mediterranee Italia - Sos Mediterranee non può che interpellare di nuovo le autorità nazionali ed europee sulla necessità urgente di mobilitazione di imbarcazioni di salvataggio nel Mediterraneo per intervenire in tempo, prima che le imbarcazioni di fortuna affondino, non lasciando alcuna possibilità di sopravvivenza ai loro passeggeri".

"Di fronte all'assenza di un adeguato dispositivo di salvataggio istituzionale, continueremo la nostra missione in mare durante tutto l'inverno, per il secondo anno consecutivo - dice Calandra - In mancanza di un'alternativa sicura, non hanno altra scelta che tentare la traversata del tratto di mare più mortale al mondo".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI