Home . Fatti . Cronaca . Perché Roberto Spada non è stato arrestato subito?

Perché Roberto Spada non è stato arrestato subito?

CRONACA
Perché Roberto Spada non è stato arrestato subito?

(fermo immagine da 'Nemo')

Martedì pomeriggio Roberto Spada ha aggredito il giornalista di 'Nemo' Daniele Piervincenzi e il cameraman Edoardo Anselmi. Il giornalista, che stava realizzando un servizio sul voto nel municipio di Ostia, si è beccato una testata in volto ed è finito in ospedale con il naso rotto. Oggi Spada è stato fermato dai carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Ostia in esecuzione di un decreto di fermo del pm della Procura della Repubblica di Roma.

IL FERMO - A Spada, fermato mentre si trovava nella sua abitazione, sono contestati i reati di lesioni aggravate e violenza privata con l'aggravante di aver agito in un contesto mafioso e per futili motivi. Gli investigatori sono al lavoro per identificare un complice, un 'guardaspalle' presente al momento dell'aggressione della troupe.

PERCHE' NON E' FINITO SUBITO IN MANETTE? - Dopo il pestaggio, Spada non è finito subito in manette perché non essendoci stata flagranza di reato, secondo il codice penale, non è stato possibile procedere all'arresto. Inoltre, la denuncia è stata presentata soltanto il giorno dopo da parte del reporter.

COSA RISCHIA SPADA? - Dopo l'aggressione, la Procura di Roma ha aperto un fascicolo, e Spada è indagato per lesioni. Il referto medico del giornalista, inoltre, parla di una prognosi di 30 giorni. Solo nel caso in cui le conseguenze dell'aggressione al reporter della Rai venissero valutate come 'lesioni gravi' o 'gravissime' il reato potrebbe essere ridefinito. Il fascicolo è stato affidato alla Dda capitolina.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI