Home . Fatti . Cronaca . "Messina Denaro voleva il Satiro danzante"

"Messina Denaro voleva il Satiro danzante"

CRONACA
Messina Denaro voleva il Satiro danzante

(Foto Fotogramma)

Il boss mafioso Matteo Messina Denaro avrebbe voluto trafugare il Satiro danzante, la statuta bronzea dell'età greca, ritrovata nel 1997 da un peschereccio di Mazara del Vallo e oggi esposto nell'apposito museo. A rivelarlo è stato un collaboratore di giustizia, Mariano Concetto. Il pentito di mafia, parlando con i magistrati, ha raccontato "di aver ricevuto l’incarico dai vertici del suo mandamento mafioso di trafugare il famoso Satiro danzante" e a ordinare il furto sarebbe stato sarebbe stato proprio Matteo Messina Denaro "che avrebbe poi provveduto a commercializzarlo attraverso sperimentati canali svizzeri".

Sequestro milionario al mercante d'arte: "Finanziava Messina Denaro"

La storia del ritrovamento della statua inizia nel luglio di venti anni fa, quando il peschereccio 'Capitan Ciccio', appartenente alla flotta marinara di Mazara del Vallo e comandato dal capitano Francesco Adragna ripesca dai fondali del Canale di Sicilia una gamba di una scultura bronzea. Nella notte fra il 4 e il 5 marzo 1998 lo stesso peschereccio riporta a galla, da 500 metri sotto il livello del mare in cui era adagiata, gran parte del resto della scultura, perdendo nel recupero un braccio.

Il reperto è stato acquisito dalla Regione Siciliana ed esposto in deposito temporaneo, a cura dell'assessorato regionale ai beni culturali, in una vasca d'acqua dolce deionizzata nell'ex chiesa di San Egidio a Mazara del Vallo. Nel settembre 1998 l'Istituto Centrale per il Restauro di Roma prende in consegna i due frammenti della statua, per effettuarvi i necessari interventi di restauro. E oggi il Satiro è esposto a Mazara del Vallo, nell'omonimo museo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI