Home . Fatti . Cronaca . E' morto Totò Riina

E' morto Totò Riina

CRONACA
E' morto Totò Riina

Alle 3.37, nel reparto detenuti dell'ospedale di Parma, è morto il boss mafioso Totò Riina. Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, era ancora considerato dagli inquirenti il capo indiscusso di Cosa Nostra. Riina era in coma farmacologico da diversi giorni. Le sue condizioni sono peggiorate dopo l'ultimo intervento chirurgico subìto: da quel momento il boss è entrato in coma e non si è mai risvegliato.

Ieri sono arrivati a Parma, dopo l'ok del ministro della Giustizia Andrea Orlando, la moglie e la figlia del boss. Oggi dovrebbe arrivare il figlio, Salvo, che ieri ha scritto un post su Facebook in cui augurava buon compleanno al padre per i suoi 87 anni. Un altro figlio, Giovanni, sta invece scontando una pena all'ergastolo.

I familiari del boss mafioso chiedono "il più stretto riserbo". Lo fa sapere all'Adnkronos il legale di Riina, Luca Cianferoni. "Di più non voglio aggiungere", ha detto l'avvocato che da anni segue il capomafia nei processi.

La procura di Parma ha disposto l'autopsia sulla salma di Riina. La decisione, a quanto si apprende, deriva dalla necessità di completezza degli accertamenti trattandosi di un decesso avvenuto in ambiente carcerario.

"Di fronte alla morte nessun commento...", dice all'Adnkronos il pm della Direzione nazionale antimafia Nino Di Matteo, il magistrato più scortato d'Italia proprio per le minacce ricevute dal carcere dal boss mafioso di Corleone.

L'ex Procuratore aggiunto di Palermo, Vittorio Teresi, che rappresenta l'accusa nel processo sulla trattativa tra Stato e mafia, conferma all'Adnkronos che la Procura di Palermo, al termine della requisitoria, chiederà alla Corte d'Assise di dichiarare il "non doversi procedere per morte del reo" a carico di Riina.

Parlando della successone di Riina in Cosa nostra, il pm dice: "Sono convinto del fatto che siccome non è stato un evento imprevisto o traumatico, tutto ciò che in Cosa nostra si doveva muovere per individuare un successore si è già mosso". "In questo momento - aggiunge - non vedo una figura del panorama mafioso di primo piano". E riguardo al boss latitante Matteo Messina Denaro, Teresi osserva: "Ha la capacità criminale di Riina in astratto, ma non so se in questo momento abbia il seguito che deve avere un capo unico".

"Marcisci presto", nessuna pietà per Riina

Totò 'la Belva', chi era il Capo dei capi

"Finirà peggio di Falcone", l'ossessione di Riina per Di Matteo

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI