Home . Fatti . Cronaca . "Sto bene", Rosa è viva ma il video allarma

"Sto bene", Rosa è viva ma il video allarma

CRONACA
Sto bene, Rosa è viva ma il video allarma

Rosa Di Domenico in un'immagine pubblicata da 'Chi l'ha visto?': sulla sinistra il frame del video mandato in onda nel corso della trasmissione di ieri, a destra un selfie della ragazza prima di scomparire

"Non mi fa mancare nulla, ho anche due conigli per non sentirmi sola. Non mi ha mai trattata male. Io sto bene". Quindici anni, lontana da casa da 7 mesi, nelle mani di un ragazzo più grande di lei e forse nascosta in Germania. Rosa Di Domenico - la ragazzina scomparsa dal piccolo comune in provincia di Napoli, Sant'Antimo, dal 24 maggio scorso - rompe finalmente il silenzio e manda un video messaggio ai genitori per rassicurarli sulle sue condizioni. Ma la breve clip, datata 5 novembre e mostrata ieri sera nel corso dell'ultima puntata di 'Chi l'ha visto?', ha messo in allarme famiglia e telespettatori, che hanno notato non solo lo strano atteggiamento della 15enne, ma anche quello che agli occhi di molti sembra essere un viso tumefatto.

L'adolescente da mesi aveva fatto perdere le proprie tracce, fuggita con ogni probabilità insieme ad Alì Qasib, 28enne pachistano residente a Brescia che la ragazza aveva conosciuto a soli dodici anni sui social network e che, stando ai racconti dei genitori di Rosa, l'avrebbe prima raggirata e poi minacciata, fino alla sua scomparsa. Per questo i coniugi Di Domenico avevano già denunciato per tre volte il pachistano, ma senza esiti.

Ora, nonostante la prova che la ragazzina sia ancora viva, a preoccupare è il suo stato di salute: "E' bello sapere che è viva, ma non sta bene. Sembra che abbia le labbra gonfie e anche gli occhi...Rosa torna a casa! Qasib lasciala andare e la cosa finisce qui", ha affermato la madre in trasmissione, seguita da decine e decine di commenti dello stesso tenore da parte dei telespettatori, tutti in apprensione per le sorti della 15enne e che per alcuni potrebbe essere stata addirittura plagiata, drogata e picchiata dal suo carceriere.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI