Colpo grosso a Palazzo Ducale

Clamoroso furto a Venezia. Alcuni gioielli della mostra 'Tesori dei Moghul e dei Maharaja', ospitata a Palazzo Ducale, sono stati rubati. I preziosi sono misteriosamente spariti da una teca. Sul colpo indaga la polizia, che ha effettuato i rilievi sul posto.

A dare l'allarme alle forze dell'ordine, intorno alle 10, è stato il responsabile della sicurezza della mostra che ha notato l'assenza di alcuni gioielli dalle teche dell'esposizione.

Il furto sarebbe avvenuto dopo l'apertura al pubblico e i ladri potrebbero dunque essersi confusi tra la folla di visitatori: questa l'ipotesi degli investigatori che sono al lavoro per fare luce sul colpo in cui sono stati portati via una spilla e una coppia di orecchini della collezione privata.

Dopo che è scattato l'allarme sono arrivati sul posto gli agenti della Squadra Mobile del commissariato San Marco, delle volanti e della Scientifica. E' stato interessato anche lo Sco per il coordinamento dell'indagine. Al vaglio le immagini delle telecamere della mostra che potrebbero aver ripreso i responsabili.

La Fondazione Musei Civici di Venezia ha poi spiegato che i due oggetti rubati "sono di recente fattura e di valore marginale rispetto agli altri gioielli di maggiore valore storico esposti".

Erano "custoditi in una vetrina di sicurezza, facente parte dell'allestimento, progettato dalla Fondazione Al Thani e già utilizzato in alcune tappe precedenti dell'esposizione - continua la Fondazione - Grazie al tempestivo intervento dell'apparato di sicurezza operante all'interno delle sale espositive, e la cui definizione è stata condivisa fin dall'inizio con la Questura di Venezia, la Fondazione Musei Civici è stata in grado di fornire alle forze dell'ordine tutti gli elementi necessari per una rapida soluzione dell'indagine in corso".

"Per agevolare queste operazioni la mostra è stata chiusa pochi minuti dopo l'accaduto, anticipando la chiusura definitiva prevista nella stessa giornata". Oggi era infatti l'ultimo giorno dell'esposizione che, inaugurata all'inizio di settembre, dava l'opportunità di ammirare preziosi dell’oreficeria indiana dal XVI secolo ai nostri giorni.

Promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia, nella cornice di Palazzo Ducale, la mostra presentava al pubblico italiano per la prima volta quasi trecento pezzi provenienti dalla preziosa collezione creata dallo sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar.