Home . Fatti . Cronaca . Esplosione in una palazzina a Milano

Esplosione in una palazzina a Milano

CRONACA
Esplosione in una palazzina a Milano

(Foto Fotogramma)

Un'esplosione ha sventrato nelle prime ore della giornata l'ultimo piano di una palazzina nell'hinterland milanese, a Sesto San Giovanni, investendo due appartamenti (FOTO). Ci soono sei feriti lievi, 18 sfollati e 12 famiglie coinvolte, fa il punto il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano. "La situazione è sotto controllo" dice il primo cittadino, spiegano che "i feriti non sono gravi e gli sfollati sono in albergo". "Mi sono recato all'ospedale Niguarda per esprimere la vicinanza dell'amministrazione alle persone coinvolte. Fortunatamente -sottolinea- il bambino di 9 mesi ricoverato ha solo escoriazioni e sarà presto dimesso. Anche gli altri 5 feriti stanno bene, tra di loro c'è un anziano che ha ustioni di secondo grado e rimarrà in ospedale nelle prossime settimane ma che comunque non è grave". Quanto agli sfollati, spiega Di Stefano, "siamo immediatamente intervenuti trovando un alloggio in un albergo per 11 persone e per i ricoverati, quando saranno dimessi. Altri residenti nella palazzina saranno ospitati da parenti".

A provocare l'esplosione al quinto piano potrebbe essere stata una fuga di gas, si legge sull'account Twitter dei Vigili del fuoco che stanno verificando la stabilità della palazzina.

Come si vede dalle immagini, le pareti sono state completamente esplose e divelte e moltissimi calcinacci sono caduti sulle macchine parcheggiate. "Ovviamente l'edificio è inagibile, visti i gravi danni al quinto piano, al tetto e al sottotetto - aggiunge Di Stefano -. In queste ore e nei prossimi giorni si valuteranno in maniera approfondita le cause dell'esplosione e i danni complessivi allo stabile. Abbiamo già fatto una riunione operativa per mettere a punto come intervenire nei prossimi giorni". Di Stefano, infine, ringrazia "per la rapidità di intervento e la professionalità" i vigili del fuoco, gli operatori delle ambulanze, la polizia locale, la protezione civile, le forze dell'ordine e i tecnici intervenuti".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI