Blu, rossa e super: spettacolo Luna

Tre Lune, Superluna, Luna blu e Luna rossa insieme. Prepariamoci all'eclissi più importante dei primi mesi dell'anno. La notte del 31 gennaio sarà visibile all'occhio umano, in modo particolare in Nord America , in Alaska, Hawaii, come spiega la Nasa. Cosa che non si verificava da almeno 150 anni. Ma cosa significa esattamente Luna 'super', 'rossa' e 'blu'. Andiamo con ordine.

Super Luna: si verifica quando il nostro satellite si trova nel punto più vicino alla Terra, il perigeo, a 358.994 chilometri. Questa situazione si era già verificata lo scorso primo gennaio, ma tornerà ad essere visibile proprio mercoledì 31 gennaio. La potremmo vedere in tutta la sua grandezza o quasi ma non dall'Italia.

Luna blu: ovvero "blue moon", una definizione anglosassone che sta ad indicare quando si verificano due lune piene in un mese. Come in questo caso. Il termine "blue moon" deriva da un detto popolare "once in a blue moon" che serve ad evidenziare la rarità di un evento: potrebbe corrispondere al nostro "ogni morte di Papa".

Luna rossa: meglio conosciuta come eclissi totale. Sarà visibile in Australia, Asia e appunto dalla costa occidentale degli Stati Uniti. Rossa perchè la rifrazione con l’atmosfera terrestre porterà ad una colorazione rossastra quasi sanguigna. Saremo più fortunati tra circa sei mesi quando una nuova eclissi lunare si verificherà il 27 luglio: sarà visibile anche in Europa.

Se le condizioni meteorologiche saranno favorevoli, lo spettacolo sarà mozzafiato. "Potremo vedere, durante l’eclisse, i riflessi sulla superficie lunare di tutte le albe e i tramonti della Terra", assicura l'agenzia spaziale statunitense.