Home . Fatti . Cronaca . "Favorisce immigrazione illegale", sequestrata nave Ong

"Favorisce immigrazione illegale", sequestrata nave Ong

CRONACA
Favorisce immigrazione illegale, sequestrata nave Ong

Foto di repertorio (Fotogramma)

Sono stati interrogati a lungo i componenti dell'equipaggio della nave 'Proactiva Open arms' dell'Ong spagnola, sequestrata ieri dal porto di Pozzallo (Siracusa) dopo avere fatto sbarcare oltre duecento migranti soccorsi in acque internazionali. La Procura d Catania, che ha chiesto e ottenuto il sequestro della nave, ha iscritto nel registro degli indagati, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, il responsabile dell'Ong spagnola, il Comandante e il coordinatore della nave.

Il sequestro preventivo è stato operato dallo Sco di Roma e dalla Squadra mobile di Siracusa. All'imbarcazione è stato impedito di ripartire per il porto di Malta. Secondo l'accusa, ci sarebbe la volontà dell'Ong di portare i migranti in Italia violando in questo modo gli accordi internazionali. L'equipaggio si è rifiutato di consegnare i migranti alla Guardia costiera libica. Anche se l'equipaggio, durante l'interrogatorio, ha spiegato si essere stato minacciato di morte dalla Guardia costiera libica.

LA REPLICA - "Proteggere la vita umana in mare dovrebbe essere la priorità assoluta di qualsiasi corpo civile o militare, perché lo stabilisce il diritto del mare - sottolinea, in un post su Fb, la 'Proactiva Open Arms' - Impedire il salvataggio di vite a rischio in alto mare per restituire la forza ad un paese non sicuro, come è la Libia, è un rimborso a caldo, contravvenendo allo statuto dei rifugiati dell'Onu. I suoi diritti sono anche i nostri. La nostra massima priorità è e sarà sempre la tutela e la difesa dei diritti umani in mare". In merito alle accuse, invece, l'ong spagnola replica: "E' ancora solo un'ipotesi di reato - prosegue - ma siamo accusati di Associazione Criminale e di promuovere l'immigrazione illegale per aver disobbedito ai libici, non dando loro donne e bambini".

"Non abbiamo firmato" gli atti di accusa perché sono scritti in italiano "e aspettiamo una traduzione", ha ribadito a radio Catalunya il fondatore dell'Ong spagnola Oscar Camps. "Le accuse vengono sempre dalla stessa parte", ha aggiunto Camps, riferendosi al procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, che già in passato aveva indagato sulle attività di salvataggio di migranti delle Ong. "Abbiamo fatto l'intervento in mare e una volta avvenuto il recupero, ci siamo diretti a nord, come abbiamo sempre fatto, e l'Italia non ci ha dato il permesso d'ingresso", ha raccontato, così che la Spagna è dovuta intervenire per sollecitare l'approdo in un porto italiano.

La Ong ha dovuto contattare il ministero degli Esteri spagnolo, spiegando che vi era una situazione grave a bordo, in modo che le autorità di Madrid facessero da tramite. "Siamo in una situazione di sequestro preventivo della nave", ha detto ancora Campos, secondo il quale la protezione delle vite umane dovrebbe essere la priorità di qualsiasi entità civile o militare. Consegnare i migranti appena salvati ai libici, ha affermato, avrebbe violato lo Statuto dei rifugiati dell'Onu.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI