Home . Fatti . Cronaca . Figlio di due mamme registrato all'anagrafe

Figlio di due mamme registrato all'anagrafe

CRONACA
Figlio di due mamme registrato all'anagrafe

Dal profilo Facebook di Chiara Foglietta

E’ stato registrato questa mattina in Comune a Torino, nell'anagrafe cittadina, il figlio di due mamme. Si tratta del primo riconoscimento alla nascita di un bimbo di una coppia omogenitoriale. A firmare l’atto che riconosce il bimbo figlio di Chiara Foglietta, vicecapogruppo del Pd in consiglio comunale, e della compagna Micaela Ghisleni, la sindaca Chiara Appendino.

"Una grande vittoria quella di oggi, non solo per noi ma per tutte le famiglie omogenitoriali di oggi e future. Si è fatta la storia. E' il primo caso in Italia di figlio riconosciuto alla nascita da due mamme con i suoi diritti fin dalla nascita", ha commentato Foglietta all’uscita da Palazzo Civico.

Oltre al bimbo della consigliera Foglietta, la sindaca ha trascritto gli atti di nascita anche di altre due coppie, due papà e due mamme i cui figli erano nati all’estero. Insieme alla sindaca, alla registrazione erano presenti anche l’assessora all’Anagrafe, Paola Pisano, e l’assessore alle Famiglie, Marco Giusta.

"Oggi è una di quelle giornate per cui vale davvero la pena ogni goccia di energia spesa per fare politica. Oggi abbiamo contribuito a scrivere un pezzo di storia - ha scritto su Fb la sindaca Appendino - Oggi la famiglia di Maria e Anna e il piccolo Giorgio, quella di Piero e Francesco e i piccoli Gabriel e Sebastian e quella di Chiara e Micaela e il piccolo Niccolò Pietro sono state riconosciute nella loro interezza dalla Città di Torino”.

"A livello di legislazione, l’Italia non è ancora pronta a questo passo, ma noi abbiamo deciso senza dubbio alcuno di compiere un gesto forte, superando molti ostacoli - ha aggiunto la sindaca - per questo lavoro permettetemi di ringraziare l'assessora ai servizi civici Paola Pisano, l'assessore alle famiglie Marco Alessandro Giusta e gli uffici che ci hanno assistiti con grande professionalità”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI