Home . Fatti . Cronaca . Arrestato Montante, paladino dell'antimafia

Arrestato Montante, paladino dell'antimafia

CRONACA
Arrestato Montante, paladino dell'antimafia

Antonello Montante (Fotogramma)

Arresti domiciliari per Antonello Montante, l'imprenditore per anni ritenuto paladino dell'antimafia. L'ex presidente di Confindustria Sicilia, attualmente presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta e presidente di Retimpresa Servizi srl di Confindustria Nazionale, è stato fermato all'alba di oggi a Milano con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione. In manette anche altre cinque persone. Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di essersi associati allo scopo di commettere più delitti contro la pubblica amministrazione e di accesso abusivo a sistema informatico; nonché più delitti di corruzione.

Come emerge dalle indagini, coordinate dalla Dda di Caltanissetta, l'ex presidente degli industriali siciliani avrebbe provato a corrompere anche esponenti delle forze dell'ordine per avere notizie riservate su indagini della Direzione distrettuale antimafia. Secondo gli inquirenti, l'imprenditore, con regali costosi e soldi, avrebbe pagato alcuni investigatori per avere notizie sull'indagine della Dda a suo carico. L'imprenditore sarà interrogato domani pomeriggio a Caltanissetta. Il suo legale, l'avvocato Nino Caleca, di Palermo, non l'ha ancora incontrato. "Non ho ancora letto neppure le carte - spiega all'Adnkronos - Ma entro domani avremo le idee più chiare".

La Procura ha iscritto nel registro degli indagati una ventina di persone, tra cui politici, generali, dirigenti di polizia ma anche docenti universitari. Tra gli indagati eccellenti c'è anche Renato Schifani. "Cado dalle nuvole... Non ne so niente", ha detto all'Adnkronos l'ex presidente del Senato, commentando la notizia. Secondo la Procura, Schifani avrebbe fatto parte, con un generale dell'Arma in pensione, dirigenti di Polizia, un colonnello dei Carabinieri, di una fitta rete di spionaggio per avere notizie sull'inchiesta della Dda di Caltanissetta su Montante.

La Procura di Caltanissetta aveva chiesto l'arresto per Montante contestando anche il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Ma il gip ha negato la richiesta, scegliendo i domiciliari perché, a suo avviso, l'ex presidente degli industriali ha sì "intrattenuto qualificati rapporti con esponenti di spicco di Cosa nostra", ma non ci sono elementi a sufficienza per configurare il reato di mafia.

Due anni fa Montante aveva ricevuto un avviso di garanzia per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa per presunti legami con esponenti mafiosi. Gli inquirenti nel 2016 nell'abitazione dell'ex presidente degli industriali siciliani avevano trovato un vero e proprio archivio, sia cartaceo che elettronico, su cui Montante conservava tutto, dai telegrammi, alle email, sms, i regali fatti, contributi concessi, fotografie con ministri, politici, capi della polizia. Un archivio segreto, diviso in cartelle di colore diverso e cd-rom custoditi in un bunker allestito dietro una parete segreta della sua stanza da letto. Nella stanza era stato trovato anche una sorta di memoriale di oltre mille pagine su cui gli inquirenti hanno indagato in questi due anni.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI