Home . Fatti . Cronaca . Tragedia Francavilla, spunta foglio con nomi

Tragedia Francavilla, spunta foglio con nomi

CRONACA
Tragedia Francavilla, spunta foglio con nomi

Prima di buttarsi dal viadotto, Fausto Filippone ha gettato un foglio sul quale erano appuntati dei nomi. Foglio che è stato ritrovato e sul quale gli inquirenti stanno svolgendo ora i dovuti riscontri. E' quanto emerso in seguito al dramma che si è consumato ieri su un un viadotto dell'A14 a Francavilla al Mare (Chieti), dove un 49enne ha lanciato la figlia di 10 anni, Ludovica, e poi si è suicidato gettandosi nel vuoto.

Nessuna patologia, né problemi psichici. Fausto Filippone, a quanto riferito dal questore di Chieti Raffaele Palumbo in conferenza stampa, non soffriva di nessun disagio psicologico evidente, se non la sofferenza per la morte della madre, malata di Alzheimer, lo scorso agosto.

E' ancora un mistero cosa possa aver fatto scattare in lui quel raptus che forse lo ha condotto anche all'omicidio della moglie Marina Angrilli, trovata in fin di vita e poi morta in ospedale dopo essere precipitata dal balcone al secondo piano di un appartamento di famiglia a Chieti scalo. Gli investigatori non sono riusciti ancora a capire se sia stato Filippone a spingere la donna: "Dell'accaduto non ci sono testimoni", ha spiegato Palumbo.

Tra marito moglie mai una lite, a quanto riferiscono amici e vicini: "Era una famiglia perbene e tranquilla, non c’era nessun segnale che potesse far pensare ad una cosa simile. Entrambi vivevano per l’amore verso la bambina ritenuta sveglia e allegra", il commento di conoscenti e colleghi. Una famiglia sana, normale, ribadisce anche il questore, che poi riepiloga i pochi punti fermi della tragedia che si è consumata ieri: il primo intervento della Volante alle 12.06, quando i vicini hanno segnalato la caduta dal balcone della Angrilli, con il 118 che ha portato la donna in ospedale per le prime cure; poi la nuova segnalazione, arrivata alle 13, di persone a piedi sulla A14, dove si è portata la polizia stradale, che, arrivando, ha visto in lontananza un signore lanciare qualcosa nel vuoto; quindi la lunga trattativa e, sette ore dopo la morte della figlia, il suicidio di Filippone, lanciatosi nel vuoto alle 19.57. Ai piedi del pilone dove si è lanciato l'uomo, gli investigatori hanno trovato il foglietto di carta, che presumono appartenere al manager, con su scritti a mano alcuni nomi e cognomi. "Un foglietto confuso", ha detto Palumbo, ora all'esame della Squadra mobile.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI