Home . Fatti . Cronaca . Milano riconosce nove figli di 'famiglie arcobaleno'

Milano riconosce nove figli di 'famiglie arcobaleno'

CRONACA
Milano riconosce nove figli di 'famiglie arcobaleno'

(Fotogramma)

Milano riconosce nove figli di 'famiglie arcobaleno'. "Oggi - scrive il sindaco Giuseppe Sala - ho firmato l’atto di nascita di Eric Manfredi e di Teresa, nati a Milano il 2 e 3 giugno scorsi. Questi bambini sono figli di due mamme e per questo nell’atto compaiono entrambe. Milano prosegue senza esitazione nel riconoscimento dei diritti civili ai propri cittadini, consapevole di essere una città che vive appieno il suo presente per guardare con orgoglio al suo futuro".

"Siamo entusiaste del risultat o e ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutate ad ottenerlo. Da adesso, Eric Manfredi potrà godere degli stessi diritti di tutti gli altri bambini", spiega Corinna Marrone Lisignoli, mamma, insieme alla compagna Francesca, di uno dei bimbi registrati. Il primo cittadino ha esteso questo riconoscimento "anche alle mamme di Edda, Teo e Zeno, tre gemellini nati a febbraio e alle mamme di Margherita, Giorgio, Antonio e Raffaele", nati a Milano tra il 2002 e il 2009. "Ho fatto questa scelta perché intendo tutelare i diritti di tutte le famiglie, di tutti i genitori e di tutti i bambini che nascono nella nostra città", dice Sala.

Per Ivan Scalfarotto, deputato Pd, interpellato dall'Adnkronos, i diritti civili "non sono in pericolo, ma occorre stare con gli occhi bene aperti perché il nuovo governo ha già dato segnali molto preoccupanti e, qualora si manifestassero rischi, siamo pronti a scendere in piazza". Intanto, "oggi il sindaco Giuseppe Sala ha compiuto un passo dalla grande portata politica", un passo "che oltre ad essere in controtendenza rispetto ai messaggi di portata nazionale, riafferma la vocazione di Milano come città aperta e democratica che vuole aprirsi al mondo".