Home . Fatti . Cronaca . Saldi, conto alla rovescia

Saldi, conto alla rovescia

CRONACA
Saldi, conto alla rovescia

(Fotogramma)

Conto alla rovescia per i saldi estivi. Meno quattro giorni alla ventata di sconti che investirà, finalmente, tutta Italia. Già partiti in Sicilia e nelle Marche, a partire dal prossimo 7 luglio gli sconti arriveranno in tutte le regioni. Via allo shopping a prezzi vantaggiosi, quindi, che secondo Confcommercio costerà a famiglia poco meno di 250 euro. E come ogni anno, anche per questo 2018 l'associazione ha ricordato alcune regole essenziali che rientrano fra i diritti/doveri dei consumatori. Ecco quali:
PRODOTTI IN VENDITA - I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.
PROVA DEI CAPI - Non c'è nessun obbligo di prova, ma è rimessa alla discrezionalità del negoziante.
PREZZI - E' obbligatorio per il negoziante indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
PAGAMENTI - Non solo contante. Il negoziante deve accettare anche le carte di credito.
CAMBI - E' possibile cambiare il capo dopo che lo si è acquistato, è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.