Home . Fatti . Cronaca . Notte di musica a Torino per le staffette partigiane Libera e Vera

Notte di musica a Torino per le staffette partigiane Libera e Vera

CRONACA
Notte di musica a Torino per le staffette partigiane Libera e Vera

Notte di musica, sabato al parco della Tesoriera di Torino, per ricordare Libera e Vera Arduino, due giovanissime sorelle, staffette partigiane, uccise dalle Brigate Nere nel marzo 1945, a poco più di un mese dalla fine della guerra. Per iniziativa del Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale del Piemonte, dopo la deposizione di una corona di fiori davanti alla lapide a loro dedicata, si è tenuta una serata di musica, 'Libera e Vera come la Resistenza', culminata con il concerto di Teresa De Sio ospitato nell'ambito dell'EvergreenFest.

"Abbiamo voluto in questi anni legare la festa della musica che si tiene alla fine di giugno in tutta Europa al nome di un partigiano ucciso nella nostra regione - ha ricordato sul palco il presidente del Consiglio regionale del Piemonte, Nino Boeti. Abbiamo cominciato con Dante di Nanni, proseguito con Emanuele Artom e quest'anno abbiamo voluto dedicare l'iniziativa a Libera e Vera Arduino. Lo abbiamo fatto perché i ragazzi, e tutti quelli che partecipano a questi concerti, ricordino che settant'anni fa ragazzi della loro stessa età morirono per consentire loro di vivere in un Paese libero e democratico e partecipare liberamente a un concerto".

"La Resistenza - ha proseguito il presidente di Palazzo Lascaris - fu un autentica rottura della storia e fu premonitrice di una grande e più nuova umanità, fu sacrificio, fame, freddo, morte ma fu anche gioia, quella di sentirsi in tanti dalla parte della giustizia e della storia. Vera e Libera Arduino appartengono alla nostra giustizia e alla nostra storia", ha concluso Boeti.

Sul palco, anche Vera Bessone, figlia di Bruna, la sorella minore di Libera e Vera che proprio per la giovane età, insieme al fratellino Antonio, fu risparmiata. "Per la nostra famiglia - ha sottolineato Vera accompagnata dal fratello Riccardo - è motivo di dolore ma anche di gioia ricordare queste due ragazze. Ricordarle credo non sia solo ricordare due ragazze giovani, del popolo, due operaie molto semplici, ma sia anche prendere esempio da due ragazze che non avevano fatto altro che fare quello che sentivano di dover fare in quel momento. Soprattutto oggi che stiamo vivendo momenti molto difficili Vera e Libera - ha concluso - credo possano aiutarci a capire che anche noi ogni giorno possiamo fare qualcosa di piccolo, ma qualcosa".

Dopo la performance della cantante italo-sudanese Amira Kheir, che ha proposto blues sahariano mescolato al jazz, e la versione 'live' del programma di Radio Capital 'Parole Note', sul palco è salita Teresa De Sio che ha offerto al pubblico il suo nuovo progetto musicale 'Il Pensiero Meridiano'. "Per me essere qui è molto bello - ha detto la 'brigantessa' - mi hanno chiesto di cantare per due ragazzine che hanno immolato la loro vita per ciò che il loro nome sottendeva, come un destino, e cioè Libera e Vera. Oggi, nel mondo in cui viviamo - ha osservato - non possiamo nemmeno immaginare com'era il mondo in cui hanno vissuto queste ragazze e che cosa hanno dovuto compiere per far sì che ciò in cui credevano si avverasse".

"Loro hanno dovuto addirittura dare la vita. Noi non siamo chiamati a questo, siamo chiamati però ad avere un pensiero libero e vero che è un pensiero sempre brigantesco in qualche maniera. E allora dedichiamo a loro la volontà di cambiare le cose, di andare avanti e mantenere sempre vivo il senso della libertà e della verità", ha concluso.

'Libera e Vera come la Resistenza' è un progetto realizzato dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale del Piemonte in collaborazione con Arci Piemonte, Anpi, Città di Torino, Circoscrizione 4, e con il coinvolgimento di associazione Tedacà, Evergreen Fest, Parole Note (Radio Capital).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.