Home . Fatti . Cronaca . Terni, neonato abbandonato era vivo

Terni, neonato abbandonato era vivo

CRONACA
Terni, neonato abbandonato era vivo

Immagine d'archivio (FOTOGRAMMA)

E' nato vivo, sano e a termine il neonato di Terni trovato morto giovedì sera in una busta di plastica lasciata in un'aiuola nei pressi di un supermercato. E' quanto emerge dall'autopsia eseguita dal professor Mauro Bacci. Secondo una prima ipotesi, il piccolo, dunque, potrebbe essere deceduto per asfissia e ipertermia. La madre, una 27enne ternana incensurata, già madre di una bambina di due anni, ha confessato di aver abbandonato il figlio partorito in bagno perché non poteva permettersi di mantenerlo. E' stata proprio lei ad effettuare questa mattina il riconoscimento del cadavere del piccolo. La donna non è in stato di fermo, ma, come spiega il legale, Alessio Pressi "è indagata a piede libero per infanticidio e resta a disposizione dell'Autorità giudiziaria".

La mamma è stata interrogata a lungo ieri in questura dal pm titolare del caso, Barbara Mazzullo: agli inquirenti ha spiegato di aver tenuto nascosta la gravidanza al compagno e agli altri familiari, di aver partorito giovedì mattina in bagno e aver tagliato il cordone ombelicale nel bidet. Di aver poi avvolto il bambino in un asciugamano e averlo messo con tutta la placenta nella busta poi lasciata nel parcheggio di un supermercato dove è stato ritrovato giovedì sera da una passante. "La mia assistita - spiega il legale - ha detto di essere uscita di casa con il compagno, di aver messo la busta con il piccolo ancora vivo nel bagagliaio, di aver detto all'uomo di entrare nel negozio, poi lei ha lasciato il piccolo nella busta aperta nell'aiuola adiacente al parcheggio. Ha spiegato più volte che sperava che qualcuno lo trovasse vivo".

Entro 60 giorni di tempo dovrà essere depositata la perizia definitiva ma, al momento, le ipotesi più accreditate per la morte del neonato sono quelle dell'asfissia e dell'ipertermia, che potrebbero anche essere due concause di un decesso che senza dubbio è stato lento. Del resto, il neonato - stando anche al racconto fatto dalla stessa madre - è stato abbandonato giovedì attorno a mezzogiorno dentro una busta, una di quelle rigide che forniscono i supermercati, sembra parzialmente chiusa, in un'aiuola nei pressi di un parcheggio, in una delle giornate più calde dell'estate. Ad ogni modo, dall'autopsia sono state escluse con certezza altre possibili cause del decesso: nessuna malformazione, nessuna azione violenta esterna e nessun tipo di malore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.