Home . Fatti . Cronaca . Tragedia Pollino, "allerta ignorata"

Tragedia Pollino, "allerta ignorata"

CRONACA
Tragedia Pollino, allerta ignorata

(Afp)

Una tragedia che si poteva evitare. Quella delle Gole di Raganello, dove sono morte 10 persone. "C'era un'allerta gialla" dice il Capo Dipartimento della Protezione Civile nazionale Angelo Borrelli intervenuto a Radio anch'io. "Significa che in situazioni di questo tipo si possono avere esondazioni improvvise di corsi d'acqua, rapido innalzamento dei fiumi, smottamenti, frane, sono una serie di effetti derivanti dall'evento che possono comportare anche la perdita di vite umane".

"Questa è stata un'altra tragedia che non doveva esserci - ha precisato -. Dobbiamo fare in modo da un lato accrescere la conoscenza del rischio, la cultura dell'auto-protezione da parte dei cittadini, dall'altro migliorare l'organizzazione della macchina statale e regionale della gestione del territorio per evitare che in situazioni di questo tipo ci sia un'esposizione al rischio".

"Sarà l'inchiesta a fare luce - ha proseguito riguardo al fatto che tra le vittime c'era anche una guida - a mio giudizio c'é stata una sottovalutazione del rischio da parte di chi era esperto e di chi si è avventurato nell'escursione del torrente".

"Credo che ci debba essere una normativa specifica su questo tipo di escursioni" aggiunge a SkyTg24. "Quello che si è verificato nel canyon del Pollino è un evento eccezionale, ma non so dire quanto. Secondo le direttive, è un evento rientrato in una allerta gialla e con l'allerta gialla ci possono essere esondazioni, allagamenti di sottopassi e tutta una serie di eventi come quelli che si sono verificati qui, come la perdita di vite umane. Questo è quello che è codificato nelle nostre direttive e che conosciamo tutti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.