Home . Fatti . Cronaca . 12enne gli ruba bici, migrante lo insegue. Ira su Fb

12enne gli ruba bici, migrante lo insegue. Ira su Fb

CRONACA
12enne gli ruba bici, migrante lo insegue. Ira su Fb

Immagine di repertorio, foto Adnkronos

"Non riconosco più la mia comunità". Il sindaco di Partinico, Maurizio De Luca, è turbato. "Non so cosa stia accadendo" dice all'Adnkronos. Da settimane il centro di 32mila abitanti in provincia di Palermo che amministra dallo scorso giugno è sotto i riflettori per episodi di intolleranza. Aggressioni ai migranti su cui i carabinieri indagano e per i quali già due persone sono finite in manette. La convivenza tra i suoi concittadini e i 259 ospiti delle 15 comunità di accoglienza del paese diventa ogni giorno più difficile. Un clima di tensione e di paura che ieri ha alimentato disordini nei pressi di via dell'Avvenire quando un 12enne che poco prima aveva rubato la bici di un migrante di 16 anni, appoggiata al muro, sarebbe stato inseguito e spintonato da un gruppetto di giovani ospiti della comunità di accoglienza.

Una scena notata da un gruppo di adulti accorsi in soccorso del ragazzino. Ne è seguita una discussione animata tra una decina di persone e il proprietario della bicicletta. Urla e accuse, ma secondo le prime ricostruzioni nessuna aggressione fisica. La notizia, però, è rimbalzata subito sui social, scatenando decine di commenti. "Bastardi e incivili. Se ne devono tornare nei loro paesi di m... Sono animali" dice Mario, a cui fa eco Patrizia: "Bestie schifose, violenti selvaggi". Giuseppe avverte: "Se era mio figlio li prendevo a fucilate" e Johnny è sulla stessa lunghezza d'onda: "Se entrassero a casa mia per picchiare mio figlio altro che rispedirli in Africa... direttamente al creatore".

La rabbia monta con il passare dei minuti e il racconto della vicenda si arricchisce di particolari cruenti. "Urlavano, volevano ammazzare un bambino di 9 anni" spiega qualcuno. E così davanti a quello che appare agli occhi dei più come un raid punitivo davanti a un'innocente marachella di un bambino, Walter sbotta: "Forse è arrivato veramente il momento di armarci dentro a casa per difenderci da questo comportamento che non viene solo dalla gente di colore ma anche dai nostri italiani".

Raffaella non usa giri di parole. Per lei "se questi neri fossero stati persone normali e non bestie avrebbero bussato educatamente alla porta di casa del bambino e avrebbero chiesto indietro la bici". E la rabbia investe anche gli operatori del centro di accoglienza che avrebbero dovuto vigilare sui loro ospiti. "Credo proprio sia tutto un mangia mangia - scrive Ivan -. Dove sono i loro responsabili quando questi parassiti scorrazzano anche al buio sulla statale? Pure gli scooter elettrici gli hanno comprato, è perché devono integrarsi...". Antonio dà la sua lettura dei fatti. Che guarda oltre. "ll bambino per questi invasori 'al momento dormienti' è stato solo un pretesto per affermare le loro leggi. Ormai in alcune zone di tanti paesi stanno applicando poco alla volta la sharia. Che siano maledetti tutti coloro che li hanno fatti entrare in Italia e chi ancora è talmente ottuso o colluso che li difende".

Qualcuno prova ad abbassare i toni della discussione e punta il dito sui commenti razzisti. Senza troppa fortuna a dire il vero. "Sotto quella pelle che tu chiami nera, batte un cuore in carne e ossa. Sono esseri umani come te" scrive Gioacchino. "Leggete i libri di storia, il minimo che potete fare nei loro confronti è avere un po' di rispetto e smetterla di scrivere queste frasi xenofobe nei confronti di esseri umani" dice qualcun'altro. "Sono contrario all'immigrazione e al suo sfruttamento - premette Salvo -, però non posso nemmeno non notare l'aspetto umano. Se purtroppo questi sono già qua e non vengono rimpatriati non si può trattarli da animali o bestie. Sono contrario ad ogni forma di violenza, condanno la reazione che hanno avuto e spero che prenderanno seri provvedimenti, ma leggere alcuni commenti in questo post come 'ammazzateli', 'uccidiamoli' ecc. mi fa davvero indignare. Nemmeno io li voglio in Italia ma non li voglio di certo morti".

Un'escalation di violenza verbale, in cui c'è chi, però, prova a sottolineare il gesto sbagliato del bambino. "Non giustifico la reazione, che va assolutamente punita, e che anch'io avrei difeso mio figlio o qualunque altro bambino aggredito da un adulto - scrive -, ma il fatto che oggi purtroppo i bambini di 9 anni o di 10 o di 11 sono maleducati è un dato di fatto che si vede tutti i giorni, non va giustificato il gesto come una marachella, altrimenti oggi la bici, domani chissà...". Ormai, però, il linciaggio è partito. "Questi immigrati di via dell'Avvenire devono cambiare posto, cioè per me gli immigrati dovrebbero stare tutti nelle carceri perché sono un pericolo per il nostro Paese. Noi se li tocchiamo siamo arrestati perché sono rifugiati politici, hanno più diritto di noi e mi fermo qui perché la rabbia e alle stelle". Qualcuno immagina scenari drammatici. "Da qualunque parte arrivino le violenze non sono giustificate e se reagiscono così con un bambino figuriamoci con un adulto, prima o poi ci scappa il morto, statene sicuri" avverte Giuseppa.

Il copione è poi quello dei soliti luoghi comuni. "Aiutiamo, aiutiamo... Io per comprare il cellulare esco la mattina con la luce e torno a casa con il buio. E loro che fanno? Giocano le schedine di calcio". Francesca parla di "assurda invasione. Devono tornare da dove sono venuti...". E qualcuno aggiunge: "Al posto di mantenere sti parassiti... gli italiani si suicidano e vanno via dal nostro Paese e ci portano i delinquenti". Che "mangiano e bevono a gratis dormono a gratis, se vogliono farsi una sc... prendono la prima che capita e se la violentano con naturalezza, se poi non gli viene in mente di tagliarla a pezzi e metterla in una valigia o lanciarla dal balcone come successe un po' di tempo fa ad una coppia di anziani nel catanese. Attenzione fatti documentati, no leggende metropolitane...".

Maria dà voce alla paura per il diverso. "Questi ci stanno rovinando la terra - scrive -. Sono qui per farci come loro, ci vogliono con la loro religione. E lo Stato li ha accontentati, non abbiamo più il crocifisso nelle scuole tra poco toglieranno anche le statue dalle chiese, tra poco pregheremo a terra come loro. Devono crepare nella loro terra, se ne devono andare. Se a qualcuno brucia quello che dico, teneteveli in casa voi, con il guinzaglio mi raccomando".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.