Home . Fatti . Cronaca . Le negano casa perché trans, risarcimento di 10mila euro

Le negano casa perché trans, risarcimento di 10mila euro

CRONACA
Le negano casa perché trans, risarcimento di 10mila euro

Immagine d'archivio (FOTOGRAMMA/IPA)

Le è stata negata una stanza in affitto a Trento perché transgender ma adesso Andrea M. ha ottenuto un risarcimento di 10mila euro per discriminazione e gli atti della causa sono stati inviati alla Procura per falsa testimonianza di due testimoni.

"A metà agosto 2016 aveva pagato la caparra e firmato un preliminare - spiega l'avvocato Alexander Schuster, che ha difeso la transessuale -. Le era stata garantita una stanza dal 1° ottobre in una nuovissima residenza di Trento. A poche ore dalla consegna già concordata dei locali, il responsabile" di una società immobiliare attiva dentro e fuori il Trentino "si avvede però che Andrea appare sulla carta di identità con sembianze femminili. Che ciò non sia indifferente viene di fatto confidato all'agente immobiliare".

"La società - continua il legale - a quel punto nega all’improvviso la stanza, affermando che è necessario essere iscritti all’università, cosa che Andrea, all’epoca titolare di una start up in ambito informatico, aveva sin dall’inizio chiaramente escluso. Andrea, che nel frattempo si è trasferita all’estero, contesta il rifiuto di consegnarle la stanza e chiede siano rispettati gli accordi. Ma il no è categorico e, anzi, è ella stessa ad essere minacciata di un’azione legale se non desiste dalle accuse". Da qui la decisione di affidarsi a un avvocato e intentare la causa civile.

"Noi persone transgender siamo notoriamente discriminate sul lavoro - afferma Andrea M. - e quando dobbiamo cercare un’abitazione, soprattutto in Paesi come l’Italia. Il pregiudizio è forte, ma è intollerabile che anche le società commerciali lo facciano proprio. Spero che questa condanna sia un segnale e possa incoraggiare altre persone in situazioni simili a fare sentire la loro voce".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.