Home . Fatti . Cronaca . Ponte Morandi, chi sono i 20 indagati

Ponte Morandi, chi sono i 20 indagati

CRONACA
Ponte Morandi, chi sono i 20 indagati

(Foto Afp)

Proseguono da questa mattina a Genova le notifiche degli avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sul crollo del ponte Morandi a Genova. Tra i nomi dei 20 indagati dalla procura, si apprende da fonti investigative, c'è quello  dell'amministratore delegato di Autostrade, Giovanni Castellucci. Nel capoluogo ligure questa mattina, uno dei due punti di notifica insieme a Roma, sono stati consegnati gli avvisi di garanzia nei confronti di Antonio Brencich, ex membro della commissione ispettiva del Mit, Roberto Ferrazza, provveditore alle opere pubbliche di Liguria, Valle D'Aosta e Piemonte, ma anche al dirigente del provveditorato Salvatore Bonaccorso, a Paolo Strazzullo, responsabile del progetto retrofitting, al manager di Autostrade Massimo Meliani, a Carmine Testa, capo ufficio ispettivo territoriale di Genova, e per Spea Engineering a Massimiliano Giacobbi responsabile del progetto di retrofitting.

Nella lista degli indagati compaiono per quanto riguarda Autostrade anche i nomi di Paolo Berti, direttore operativo centrale, Paolo Strazzullo, responsabile del progetto retrofitting, Michele Donferri Mitelli, direttore del settore manutenzione, Mario Bergamo, ex direttore della manutenzione fino a marzo 2017. E poi Stefano Marigliani, direttore del I tronco, Riccardo Rigacci, ex direttore primo tronco e Fulvio Di Taddeo, manager responsabile del controllo viadotti. Tra i nomi iscritti per Spea Engineering invece c'è anche quello di Emanuele De Angelis, direttore tecnico di Spea. Per quanto riguarda il Provveditorato alle opere pubbliche oltre a Ferrazza risultano indagati anche Mario Servetto e Giuseppe Sisca, entrambi membri del comitato tecnico. I nomi degli indagati per il ministero delle Infrastruttre invece sono quelli di Vincenzo Cinelli, capo della direzione generale del Mit, il predecessore Mauro Coletta e Bruno Santoro, dirigente della direzione generale.

AUTOSTRADE - Autostrade per l'Italia ha espresso massima fiducia nel lavoro dell'autorità giudiziaria "in relazione alle iniziative della Procura di Genova, che ha proceduto alla notifica degli avvisi di garanzia - oltre che agli altri soggetti coinvolti - ai dirigenti di Autostrade per l'Italia, a vario titolo interessati dalla vicenda del tragico crollo". In una nota la società "esprime massima fiducia nel lavoro dell'autorità giudiziaria ed è impegnata a collaborare attivamente per accertare le cause e le dinamiche di quanto accaduto e le responsabilità, qualora esistenti, dei singoli".

TONINELLI - Di nessuna responsabilità del ministero delle Infrastrutture parla poi il ministro Toninelli: "Assolutamente. Un ministero muore e rinasce con il cambio del ministro. I dirigenti continuano ma sono gli stessi dirigenti che mesi prima avevano ricevuto lettere di diffida da parte dell'Ascait, paventando reati di aggiotaggio o risarcimenti danni milionari a non pubblicare documenti" dice al 'Gr1 Rai' il ministro delle Infrastrutture in merito al fatto che alcuni dirigenti del ministero sono stati indagati nell'ambito dell'indagine sul crollo di Genova. Ora, sottolinea, "finalmente il ministero sta rinascendo con tecnici competenti e sufficienti per fare il proprio mestiere".

I DOCUMENTI - Proseguono intanto gli accertamenti sul materiale acquisito nell'ambito dell'inchiesta aperta dalla procura, da un lato per accertare le cause e l'esatta dinamica del crollo e dall'altro per individuare eventuali profili di responsabilità. "Sono in corso ulteriori approfondimenti su tutti i documenti che, nel tempo, hanno portato a commissionare il progetto di retrofitting", ha spiegato all'Adnkronos il colonnello Ivan Bixio, comandante del primo gruppo della Guardia di Finanza di Genova, che si occupa delle indagini sul crollo di ponte Morandi. E' infatti in corso l'esame del materiale documentale acquisito partendo dal progetto di retrofitting del 2017 e risalendo a ritroso per verificare sulla base di quali elementi venne commissionato il progetto di manutenzione straordinaria del viadotto crollato. Coperta dal più stretto riserbo prosegue anche l'attività di analisi che riguarda le schede sim dei cellulari sequestrati dalla procura dei quali è stata acquisita una copia della memoria: sotto la lente le conversazioni, via chat o sms, per individuare eventuali elementi presenti di interesse investigativo il cui contenuto va contestualizzato ed è oggetto di approfondimento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.