Home . Fatti . Cronaca . Arancia meccanica a Lanciano, presi 3 banditi in fuga

Arancia meccanica a Lanciano, presi 3 banditi in fuga

CRONACA
Arancia meccanica a Lanciano, presi 3 banditi in fuga

(Fotogramma)

Tre fermi per la cruenta rapina - stile 'Arancia meccanica' - avvenuta a Lanciano nella villa di Carlo Martelli e Niva Bazzan. Secondo gli investigatori, i tre, tutti romeni, potrebbero costituire il braccio operativo della banda, mentre si sta stringendo il cerchio attorno a una quarta persona, un italiano di origine pugliese, che secondo gli inquirenti era al comando del gruppo. A imprimere la svolta alle indagini sarebbe stata la testimonianza di una delle vittime di precedenti colpi della banda.

I tre sono stati bloccati dai carabinieri che hanno speronato la vettura a bordo della quale stavano tentando la fuga per rifugiarsi, probabilmente, in Romania.

"Coniugi massacrati a Lanciano, in manette tre rumeni che stavano fuggendo con i soldi rubati. Grazie alle nostre Forze dell'Ordine, queste bestie devono marcire in galera! #tolleranzazero" ha scritto sui social il ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

Nel corso della brutale rapina Carlo Martelli, chirurgo cardiovascolare in pensione, è stato massacrato di botte e alla moglie è stato tagliato il lobo dell'orecchio destro. Drammatica la testimonianza del medico. "A ogni domanda mi dava un cazzotto - ha detto in un'intervista al 'Tg1' - Poi ha tagliato l'orecchio di mia moglie e non ho capito più niente. Ero convinto che c'avrebbero ammazzato tutti e due". "Sono stato massacrato, poi sbattuto a terra e legato mani e piedi tipo incaprettatura - ha raccontato - Mia moglie è stata presa e portata via, l'hanno legata. Mi dicevano 'o ci dice dove sta la cassaforte o la tagliamo a pezzi'".

La coppia è stata ricoverata all'ospedale Renzetti di Lanciano. "È stato il più cattivo dei quattro a tagliarmi l’orecchio - ha raccontato Niva Bazzan al 'Corriere' - quello che parlava bene l’italiano, non ha avuto nessuna pietà, era molto arrabbiato, continuava a chiedere della cassaforte, diceva che loro sapevano tutto di noi. Vi uccido, vi uccido, continuava a dire. In mano aveva un coltello affilatissimo con la lama a mezzaluna e il manico di legno. Lo ricordo bene, purtroppo...". "Io non ci volevo credere, dentro di me pensavo: questo è un film e noi ci siamo dentro - ha detto la signora Bazzan - Qui va a finire che ci ammazzano. Più che rabbia, però, provavo dispiacere, sia per noi che per i quattro della banda, non riuscivo a spiegarmi perché tanta violenza inutile. Al momento del taglio però non mi sono accorta di niente, non ho provato dolore, soltanto dopo quando ho visto il sangue ho capito...".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.