Home . Fatti . Esteri . Gaza, un'altra strage di bambini. Israele accusa Hamas e avverte i civili: "Evacuate"

Gaza, un'altra strage di bambini. Israele accusa Hamas e avverte i civili: "Evacuate"

ESTERI
Gaza, un'altra strage di bambini. Israele accusa Hamas e avverte i civili: Evacuate

(foto Infophoto)

Ancora raid e lanci di missili, ancora una strage di bambini, con uno scambio di accuse. Dopo una notte tranquilla, lunedì "un raid israeliano ha colpito gli ambulatori dello Shifa Hospital" a ovest di Gaza City "e un parco del campo rifugiati Shatie", sempre a Gaza, provocando la morte di almeno dieci bambini e decine di feriti, scrive l'agenzia di stampa palestinese 'Maan'.

Ma l'esercito israeliano nega di aver aperto il fuoco contro l'ospedale Shifa. Fonti militari citate dalla rete televisiva Channel 2 affermano che l'esercito non stava operando in quell'area. Secondo una dichiarazione dell'esercito israeliano, è stato Hamas a colpire sia l'ospedale di Shifa che il campo profughi.

All'ospedale Shifa sarebbe esploso un missile di Hamas Fajr-5 che era stato lanciato da un vicino campo giochi, afferma Channel 2, secondo la quale il missile, diretto verso il centro d'Israele, è invece esploso sul posto. Aveva una testata con almeno cento chili di esplosivo, aggiunge l'emittente.

In un raid condotto con i carri armati a Jabaliya, cittadina nel nord della Striscia, i militari israeliani hanno ucciso un bambino di quattro anni. Secondo l'emittente palestinese 'Quds Tv', i colpi hanno preso di mira un'abitazione civile nella quale si trovava il bambino.

Bilancio delle vittime - Il bilancio delle vittime si aggrava di ora in ora. Altri 18 palestinesi sono morti e 70 sono rimasti feriti nella Striscia di Gaza. Lo riferiscono fonti mediche di Gaza, come si legge su Ynet, il sito web del giornale israeliano Yedioth Ahronoth. Mentre quattro militari israeliani sono rimasti uccisi da un colpo di mortaio sparato dalla Striscia di Gaza contro la regione di Eshkol. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Qassam, il braccio armato di Hamas. Un altro soldato è stato ucciso a Gaza. Il numero dei soldati morti dall'inizio dell'operazione Confine protettivo sale così a 48.

Si registra inoltre un nuovo attacco attraverso un tunnel proveniente da Gaza. A quanto riferiscono i siti israeliani, cinque uomini armati sono usciti da un tunnel nel sud d'Israele. Soldati israeliani hanno aperto il fuoco e ucciso alcuni degli assalitori. Secondo Haaretz alcuni militari sono rimasti feriti. Si tratta del sesto attacco attraverso un tunnel dall'inizio dell'operazione Confine protettivo.

Esercito israeliano: evacuate - L'esercito israeliano ha avvertito gli abitanti delle aree di Shejaiya, Zeitoun e di Jabaliya est di lasciare immediatamente le loro case e dirigersi verso il centro di Gaza city. E' quanto si legge sui siti israeliani. Gli avvertimenti, che in genere arrivano prima degli attacchi, sono stati mandati con telefonate e sms.

"Non vi è guerra più giusta di questa" ha detto il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu in una conferenza stampa nella quale ha sottolineato che l'operazione militare a Gaza cesserà quando saranno neutralizzati i tunnel costruiti da Hamas.

Ban Ki-moon - Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha chiesto ancora una volta un immediato stop alle violenze a Gaza. "In nome dell'umanità, la violenza deve finire", ha detto Ban parlando con i giornalisti al Palazzo di Vetro, come riporta la Bbc. Ban, prima delle notizie di nuovi morti a Gaza, ha sottolineato come i palestinesi della Striscia non abbiano un luogo in cui rifugiarsi e come le parti abbiano la responsabilità di proteggere i civili. Ban, tornato da un tour in Medio Oriente, ha chiesto nuovamente un "cessate il fuoco immediato e incondizionato". "Gaza è in condizioni critiche. I missili israeliani hanno colpito Gaza - ha detto, come riporta l'agenzia di stampa Xinhua - I razzi di Hamas hanno colpito Israele. Nessun Paese accetterebbe la minaccia rappresentata da razzi e tunnel".

Usa e leader europei - Il segretario di Stato americano John Kerry ha dichiarato che ogni soluzione per mettere fine alla crisi a Gaza deve condurre al disarmo di Hamas.

Il presidente americano Barack Obama e i principali leader europei hanno convenuto di "raddoppiare gli sforzi per ottenere un cessate il fuoco" a Gaza. "Bisogna aumentare la pressione" per arrivare a questo obiettivo, "il degradamento della situazione fa solo il gioco degli estremisti", si legge in un comunicato diffuso dalla presidenza francese dopo la conference call fra il presidente americano Barack Obama, quello francese Francois Hollande, il premier italiano Matteo Renzi, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier britannico David Cameron.

Hamas e Jihad - Nei prossimi giorni, una delegazione di Hamas e della Jihad islamica si recherà al Cairo per prendere in esame con i responsabili egiziani il raggiungimento di un cessate il fuoco a Gaza. Lo ha dichiarato ad Aki-Adnkronos International un dirigente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) proprio mentre fonti israeliane affermano che una delegazione israeliana andrà al Cairo per la stessa ragione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.