Home . Fatti . Esteri . Iraq, inizia la missione italiana: atterrato aereo con gli aiuti umanitari

Iraq, inizia la missione italiana: atterrato aereo con gli aiuti umanitari

ESTERI
Iraq, inizia la missione italiana: atterrato aereo con gli aiuti umanitari

(foto da Difesa.it)

E' atterrato il primo volo della missione italiana a sostegno alle popolazioni del Nord dell'Iraq. "Aiuti umanitari cooperazione italiana a Erbil, Iraq, con C130 Aeronautica militare. Primo volo atterrato", ha scritto su Twitter l'ambasciatore italiano a Baghdad Massimo Marotti.

"Tali risposte - si legge ancora - saranno fatte in base alle capacità e le leggi nazionali degli Stati membri, e con il consenso delle autorità nazionali irachene".

Commissione sulle armi ai curdi - Il 20 agosto si riuniranno le commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato, per valutare gli sviluppi dell'emergenza umanitaria in Iraq. La convocazione urgente delle quattro commissioni si è resa necessaria dopo la riunione dei ministri degli Esteri della Ue venerdì a Bruxelles, in cui si è convenuto sulla necessità di rifornire di armi la resistenza curda assediata dagli jihadisti in Iraq. Pur concordando la linea con i colleghi europei, il ministro degli Esteri Mogherini ha tuttavia puntualizzato che, su un impegno di questo genere e di questa portata, "l'Italia avrebbe dovuto convocare il Parlamento per prendere una decisione", riporta il parlamentare del Pd Nicola Latorre.

La richiesta del Kurdistan - "Noi - aveva detto ieri il ministro degli Esteri - abbiamo ricevuto da parte del presidente della regione autonoma del Kurdistan Barzani una richiesta di sostegno anche con forniture militari. Perché è evidente che la minaccia dell'azione di Isis è una minaccia che può arrivare fino al cuore dell'Europa e quindi crediamo che ci sia non soltanto una responsabilità morale dei nostri governi e dei nostri parlamenti, ma anche un interesse nazionale ad agire per contrastare questo fenomeno in tutti i modi che possono essere più efficaci, compreso quello del sostegno attraverso delle forniture di materiale militare".

Il capo della diplomazia italiana ha poi sottolineato che "questa è una decisione che prenderemo avendo coinvolto il Parlamento".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI