Home . Fatti . Esteri . Mo: Israele, troppo rumoroso, deputato propone bando a richiamo muezzin

Mo: Israele, troppo rumoroso, deputato propone bando a richiamo muezzin

ESTERI

Un deputato della destra nazionalista israeliana vuole limitare il tradizionale appello del muezzin alla preghiera islamica, affermando che è troppo rumoroso. Il progetto di legge è stato presentato in questi giorni come un intervento contro l'inquinamento acustico ma rischia di esacerbare ulteriormente le tensioni fra gli israeliani e i palestinesi, la maggior parte dei quali sono di fede musulmana.

Il 20% della popolazione israeliana è araba e il richiamo del muezzin risuona in molte città d'Israele. Diffuso tramite altoparlanti, invita i fedeli alla preghiera cinque volte al giorno, la prima delle quali all'alba. "La libertà di religione non significa poter calpestare i diritti individuali, come quello di dormire la notte", dichiara Robert Ilatov, deputato del partito Yisrael Beitenou che ha presentato il provvedimento e invita a trovare altri modi "creativi" per invitare alla preghiera. Secondo la sua proposta, spetterà al ministero degli Interni concedere l'autorizzazione alle moschee per il canto del muezzin.

Il partito Yisrael Beitenou del ministro degli Esteri Avigdor Lieberman aveva già presentato un'analoga proposta di legge nel 2011, ma allora diversi ministri del governo israeliano l'avevano bocciata nel timore di sollevare tensioni con i musulmani. Tensioni che questa volta potrebbero essere ancora più gravi, data la situazione di conflittualità di questi giorni a Gerusalemme.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.