Home . Fatti . Esteri . Fatwa autorizza sesso con figlia, licenziato imam che l'ha pubblicata sul web

Fatwa autorizza sesso con figlia, licenziato imam che l'ha pubblicata sul web

ESTERI
Fatwa autorizza sesso con figlia, licenziato imam che l'ha pubblicata sul web

(Fotogramma)

"Il fatto che un padre baci la figlia con sensualità o la accarezzi con desiderio non ha effetti sul suo matrimonio". E' questo il contenuto di una fatwa (editto religioso) della Direzione turca Affari religiosi (Diyanet), che ha suscitato sconcerto nel paese, tanto da spingere l'ente a smentirla dopo alcuni giorni e a licenziare l'imam che l'ha pubblicata sul web.

La vicenda risale a una settimana fa, quando un uomo ha richiesto una consulenza sul sito della Diyanet, massima autorità religiosa della Turchia, chiedendo se l'accoppiamento di un padre con la figlia costituisca o meno tradimento. La richiesta ha ricevuto poco dopo una risposta, che come sempre è stata pubblicata sul sito, a disposizione di tutti i lettori.

"C'è una differenza di opinioni", si spiegava nell'editto. "Per alcuni", l'unione tra un padre e la figlia "non ha affetti sul suo matrimonio", si leggeva nella risposta, che citava varie fonti religiose e della giurisprudenza islamica che giustificherebbero questo tipo di incesto, purché la figlia abbia "più di nove anni". Si ammetteva poi che c'è anche una scuola che considera il sesso tra padre e figlia come "haram" (vietato), definendola tuttavia come un'eccezione rispetto alla dottrina.

Il testo ha scatenato un'ondata di polemiche e qualcuno ha denunciato la Diyanet all'autorità per le telecomunicazioni per aver incoraggiato sul suo sito l'incesto e gli abusi sui minori. Così l'ente ha rimosso la fatwa dalla sua pagina, su cui è apparso il messaggio "In manutenzione", e il suo capo, Mehmet Gormez, è intervenuto sulla faccenda parlando di una "interpretazione sbagliata" dovuta al fraintendimento di testi in arabo.

Gormez ha precisato che il responsabile dell'errore è stato sospeso, ma ha poi attaccato i media che hanno dato spazio alla notizia, accusandoli di "fabbricazione di notizie false", di "istigazione all'islamofobia" e di aver "diffamato" la Diyanet.

La Direzione, che è responsabile di tutte le moschee della Turchia e prepara i sermoni che vi vengono letti, è sotto l'attacco di una parte dell'opinione pubblica già da un po' di tempo, perché avrebbe assunto una linea estremamente conservatrice. Di recente, è stata molto criticata per aver emesso una fatwa che fa divieto alle coppie di fidanzati di tenersi per mano o di trascorrere del tempo da sole.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI