Home . Fatti . Esteri . Nordcorea, Congresso approva strategia per espansione arsenale nucleare

Nordcorea, Congresso approva strategia per espansione arsenale nucleare

ESTERI
Nordcorea, Congresso approva strategia per espansione arsenale nucleare

(Foto Xinhua)

Il Partito dei lavoratori coreani, nel corso del suo primo congresso dal 1980, ha approvato una strategia per l'espansione dell'arsenale nucleare del Paese per "promuovere la crescita economica e rafforzare la forza nucleare di autodifesa sia qualitativamente che quantitativamente". Lo ha annunciato l'agenzia ufficiale Kcna al termine della riunione plenaria, durante la quale gli oltre 3.400 delegati hanno anche deciso che le armi nucleari saranno utilizzate solo in caso di minaccia alla sovranità nazionale.

In precedenza era stato il leader Kim Jong-un ad affermare, nel corso del suo intervento, che Pyongyang vuole essere una "potenza nucleare responsabile" e non ha piani per l'uso degli "ordigni atomici a meno che la sua sovranità sia violata da forze ostili e aggressive con testate nucleari". Nel testo si parla anche degli sforzi per riunificare le due Coree, ma "se le autorità sudcoreane opteranno per la guerra, faremo marcia indietro e faremo guerra spietatamente contro le forze anti-riunificazione".

Fermato ed espulso corrispondente della Bbc - Il corrispondente della Bbc Rupert Wingfield-Hayes è stato fermato dalle autorità nordcoreane che hanno ordinato la sua espulsione. E' quanto riporta il sito dell'emittente britannica specificando che il suo giornalista è stato trasferito all'aeroporto insieme alla producer Maria Byrne e il cameramen Matthew Goddard.

Il giornalista è stato arrestato venerdì scorso, mentre stava lasciando il Paese dove era andato per realizzare un reportage, alla vigilia del Congresso del Partito dei Lavoratori che si è aperto appunto venerdì, insieme a una delegazione di premi Nobel impegnati una missione conoscitiva.

Wingfield-Hayes è stato interrogato per otto ore dalle autorità che, prima di rilasciarlo in vista dell'espulsione, gli hanno fatto firmare un documento. Alla leadership nordcoreana non sarebbero piaciuti i toni dei servizi da lui firmati - definiti "irrispettosi" in una conferenza stampa in cui è stata annunciata l'espulsione del reporter - che raccontavano aspetti della vita quotidiana a Pyongyang.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI