Home . Fatti . Esteri . Gb, May è la nuova premier: "Sarò al servizio della gente che lavora"

Gb, May è la nuova premier: "Sarò al servizio della gente che lavora"

ESTERI
Gb, May è la nuova premier: Sarò al servizio della gente che lavora

(Afp)

Theresa May ha accettato l'invito rivoltole dalla regina Elisabetta per formare un nuovo governo. La neo leader dei Tories è ora formalmente il nuovo primo ministro britannico.

Al suo arrivo a Downing Street, May ha tracciato un breve programma dell'esecutivo che andrà a formare nelle prossime ore. Il nuovo governo sarà al servizio di tutti i cittadini, lavorerà per mantenere il Paese unito, rafforzando i legami tra Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord e affronterà a testa alta la sfida della Brexit. Le priorità del governo saranno rivolte "non ai potenti, ai ricchi e ai privilegiati", ma alla gente che lavora, ha detto May, dedicando alcuni passaggi del suo discorso alle famiglie "working class".

La vera eredità di David Cameron, ha sottolineato la nuova premier nel rendere omaggio al suo predecessore, non è sull'economia, ricostruita dopo la grande crisi degli ultimi anni, ma "sulla giustizia sociale". Quindi, ha aggiunto, "seguirò i suoi passi".

Il Regno Unito, ha ricordato May, si trova ad affrontare delle "sfide reali", specialmente dopo il referendum sull'uscita dalla Ue. Ma il Paese, ha aggiunto, saprà "uscirne fuori con successo", come ha sempre fatto nel suo passato, conquistandosi un "ruolo coraggioso e positivo" nel mondo. L'ambizione, ha concluso, è costruire una "Gran Bretagna migliore".

Accompagnata dal marito Philip, la nuova premier ha poi fatto il suo ingresso nella residenza di Downing Street, deludendo in parte i tanti fotografi presenti, che chiedevano un bacio tra i due coniugi.

Philip Hammond è il nuovo cancelliere dello Scacchiere, nel governo May. L'ex ministro degli Esteri sarà quindi il titolare del Tesoro al posto di George Osborne, fedelissimo di David Cameron, che resta fuori dal nuovo gabinetto. La nuova premier ha nominato l'ex sindaco di Londra Boris Johnson ministro degli Esteri del suo governo.

LA PREMIER - Theresa May, 60 anni a ottobre, è la seconda donna dopo Margaret Thatcher al numero 10 di Downing Street. Figlia di un pastore anglicano del Sussex, proviene, come già fu per la lady di ferro, da un ambiente molto più modesto di quello dei tanti uomini educati a Eton e Oxford che circondano l'ex primo ministro David Cameron. Anche la May, che ha studiato nelle scuole statali, è stata a Oxford, ma grazie a una borsa di studio. Prima di entrare in politica come deputato conservatore nel 1997, lavorava alla Banca d'Inghilterra.

Ministro dell'Interno dal 2010, ha ottenuto molta notorietà nel 2013 quando è riuscita ad espellere dal Paese l'imam radicale Abu Qatada, ma è stata criticata per non aver mantenuto la promessa del governo di portare il numero netto degli immigrati sotto i 100mila l'anno. Schierata a favore del Remain al referendum sulla Brexit, ritiene che la richiesta formale di uscita dall'Ue non potrà arrivare prima della fine dell'anno, per avere il tempo di definire la posizione britannica nel negoziato. In quest'ambito, May ha precisato che lo status dei cittadini europei residenti in Gran Bretagna farà parte delle trattative, senza garantire quindi che possano rimanere.

Sostenitrice della modernizzazione del partito conservatore, la May ha sempre spinto per una maggior presenza femminile fra i deputati Tories, e anche nel suo nuovo governo si prevede una forte presenza di quote rosa. Oggi promette di unificare il partito e il Paese dopo lo shock della Brexit e di mettere il suo partito "al servizio della gente che lavora". Considerata una 'tosta', la May viene paragonata dal Guardian a una preside che mantiene la calma davanti a una classe di allievi turbolenti.

Unica debolezza nota è quella per le scarpe stravaganti. Nella vita privata, è sposata con Philip May, un banchiere che ha conosciuto quando entrambi studiavano a Oxford. Pare che a presentarli, a un ballo di giovani conservatori, sia stata la futura primo ministro del Pakistan, Benazir Bhutto.

Come ormai tutti sanno, la coppia non ha figli. E' stato proprio un commento infelice sulla mancata maternità della May a provocare il ritiro della sua avversaria Andrea Leadsom nella corsa a leader dei Conservatori, accelerando il suo arrivo al numero 10 di Downing Street.

Gb, Cameron lascia citando se stesso: "Un tempo ero io il futuro"

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI
13 / 07 - 22:21 |
Conte Cagliostro
segnala un abuso

Per intanto siete finalmente fuori dalle balle e non farete più danno all'Europa ed ai suoi cittadini. Per il resto...tanti auguri.