Home . Fatti . Esteri . Siria, Iran: "Caccia russi usano base aerea ma solo per rifornimenti"

Siria, Iran: "Caccia russi usano base aerea ma solo per rifornimenti"

ESTERI
Siria, Iran: Caccia russi usano base aerea ma solo per rifornimenti

(Xinhua)

"Il Supremo consiglio per la sicurezza nazionale iraniano ha autorizzato l'utilizzo da parte dei caccia russi della base aerea di Nojeh", a circa 50 km a nord di Hamedan, nell'Iran occidentale. E' quanto afferma il parlamentare iraniano Alaeddin Boroujerdi in dichiarazioni riportate dall'agenzia di stampa ufficiale della Repubblica Islamica, la 'Irna'.

Le parole di Boroujerdi arrivano dopo che il ministero della Difesa di Mosca ha dato notizia stamani di nuovi raid aerei in Siria effettuati, per il secondo giorno consecutivo, con caccia decollati dalla base nella provincia di Hamedan che hanno colpito postazioni del sedicente Stato Islamico (Is) nella provincia siriana di Dayr el-Zor ed "eliminato oltre 150 militanti".

Boroujerdi, che è a capo della commissione Sicurezza nazionale e Politica estera del Majlis di Teheran, ha affermato che "quanto sta accadendo nella base di Nojeh avviene nel rispetto di un accordo di cooperazione quadrilaterale tra Iran, Russia, Siria e Iraq" e, scrive l'Irna, ha sostenuto che la struttura viene "utilizzata per il rifornimento di carburante".

L'obiettivo della cooperazione tra Teheran e Mosca, alleate del leader siriano Bashar al-Assad, è "intensificare la campagna contro il terrorismo", ha ribadito il parlamentare, sostenendo che questa "collaborazione nella lotta al terrorismo" non viola la Costituzione della Repubblica Islamica perché la base aerea di Hamedan "non è stata trasformata in una base russa" e perché nella struttura "non sono presenti caccia russi".

"L'unica cosa che sta avvenendo nella base di Nojeh - ha detto, stando a quanto riporta l'Irna - è che i caccia russi usano la base iraniana per il rifornimento di carburante nell'ambito della cooperazione bilaterale".

In precedenza il presidente del Parlamento di Teheran, Ali Larijani, aveva smentito l'utilizzo di strutture nel territorio iraniano da parte di caccia russi.

Dal canto suo Ali Akbar Velayati, consigliere della Guida Suprema iraniana Ali Khamenei ed ex ministro degli Esteri, ha parlato di "relazioni strategiche" tra Teheran e Mosca, che - ha detto, citato dalla stessa Irna - vogliono "intensificare la campagna internazionale contro il terrorismo".

L'obiettivo di Iran e Russia, che "negli ultimi mesi hanno siglato diversi accordi" compreso un "patto di difesa", è "opporsi all'aggressione agli Stati sovrani".

"La Repubblica Islamica dell'Iran è determinata a difendere i suoi alleati nella regione e per questo motivo l'Iran difende la Siria", ha aggiunto Velayati, ribadendo che "l'assistenza alla Siria e all'Iraq" viene garantita sulla base di quanto richiesto "dai rispettivi governi legittimi".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI